martedì 30 giugno 2009

BERLUSCONI HA DECISO: LETTIERI DOVRA' BATTERSI PER PRENDERE IL POS TO DI BASSOLINO

Silvio Berlusconi ha scelto. Gianni Lettieri, imprenditore, presidente dell'Unione industriali di Napoli, sarà il candidato del Pdl alla Regione Campania. La candidatura non è stata ancora ufficializzata perchè è troppo presto, ma a ottobre Lettieri verrà ufficialmente investito dell'arduo compito di far dimenticare quanto di cattivo (e anche di buono) ha fatto Antonio Bassolino, battere la sinistra che governa la Campania da tre lustri e portare a Santa Lucia il centrodestra che pure oggi gode del favore dei pronostici. Tutto a posto? Vento in poppa per Lettieri? Manco a parlarne. Il commento più simpatico che circola sulla candidatura di Lettieri è: "troppo presto per una candidatura. Parliamo di cose serie".

GLI ECCELLENTI NAPOLETANI PREMIATI PERCHE' SONO SCAPPATI DA NAPOLI E CERTE VOLGARITA' PUBBLICHE CHE FANNO MALE ALLA NOSTRA DEMOCRAZIA

Oggi il premier Silvio Berlusconi ha premiato a Napoli, nel tempio della cultura cittadina, il Real Teatro San Carlo, alcuni napoletani che si sono distinti nel mondo per le eccellenti qualità dimostrate nelle arti, nel lavoro, nella professione. C'erano scienziati, manager, artisti, sportivi. C'erano nomi che sono più conosciuti come Fabio Cannavaro o quel Mascalzone di Vincenzo Onorato, ma c'erano anche altri "eccellenti" i cui nomi possono non dire niente ai più distratti ma sono ricercatori universitari, scienziati di fama mondiale, prime ballerine a Londra o amministratori delegati di aziende che fatturano miliardi di euro. Erano tutti napoletani. Tutti però, ed è qui forse il punto debole del premio, l'elemento di tristezza, sono dovuti scappare dalla loro città, emigrare all'estero per potersi affermare nella vita, nella professione.
Napoli può anche premiare le sue "eccellenze" ma sarà sempre matrigna fino a quando non concederà ai suoi figli migliori di mostrare la loro "eccellenza" restando nel Golfo di Napoli. In questa giornata di Berlusconi a Napoli, col pensiero di tutti rivolto ad una Viareggio piegata da una assurda tragedia, c'è però un'altra nota dolente che merita attenzione: l'imbarbarimento della vita pubblica del Belpaese. Berlusconi, prima di entrare nel Teatro e poi all'uscita, è stato contestato da 300, forse 400 persone. Nulla di male, per carità, è questo il sale della democrazia. Possiamo pensarla in maniera diversa e civilmente contestare chi rappresenta il potere. E possiamo farlo a muso duro. Epperò ho trovato, trovo sbagliato che un assessore regionale urli contro il premier e si metta alla testa di quanti chiedono legittimamente un lavoro, una vita migliore. E' poco gradevole sentire urlare un deputato della Repubblica italiana, un rappresentante eletto dal popolo, urlare all'indirizzo del premier frasi irriferibili, in un pubblica via, senza che nessuno (carabiniere o poliziotto) potesse allontanarlo a forza. E dare del "mafioso", "camorrista" e "puttaniere" sempre al Presidente del Consiglio.

PREDONI DELL'ARTE NAPOLETANI SPOGLIAVANO CHIESE CASE IN TUTT'ITALI A, 21 ARRESTI TRA NAPOLI E MODENA. PIZZICATI GRAZIE AI RIS

Depredavano chiese, case private di collezionisti d'arte, case d'arte. Furti su commissione da esperti, un giro d'affari milionario. Con queste accuse i carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Roma - sezione patrimonio artistico - hanno arrestato tra Napoli e Modena 21 persone che negli anni hanno svaligiato di opere d'arte case e chiese in tutta Italia. Risalire a loro è stato facile grazie soprattutto ai tecnici dell'Arma del Ris (Reparto investigazioni scientifiche) di Roma che hanno potuto comparare tracce biologiche e impronte digitali repertate all'epoca dei furti con quelle presenti oggi nei loro archivi. Da qui il blitz notturno e gli arresti. E, ovviamente, il rinvenimento di molti oggetti d'arte la cui provenienza dovrà ora essere accertata.

lunedì 29 giugno 2009

PETRU, AL SUA FISARMONICA RESTERA' IN STAZIONE

AUGURI AL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO, OGGI COMPIE 84 ANNI

Molte le telefonate di auguri al Capo dello Stato Giorgio Napolitano, che si trova per un periodo di riposo a Capri per il suo ottantaquattresimo compleanno che cade oggi. "Ho ricevuto telefonate di molti amici, che non sto ad elencare - ha detto lui stesso - e poi ho ricevuto gli auguri delle autorità istituzionali, molto calorosi. Quelli dei presidenti di Camera e Senato, del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, del sottosegretario Letta, e mi ha fatto ovviamente piacere". Poco fa all'uscita dall'albergo dove alloggia insieme alla signora Clio il presidente, che è uscito per una passeggiata, è stato salutato da un gruppetto di turisti che gli hanno fatto un applauso e gli hanno rivolto gli auguri.

E' MORTA A POTENZA LUCIA LAURIA, AVEVA 113 ANNI ED LA DONNA PIU' ANZIANA D'EUROPA. TRASCORREVA L'INVERNO A SALERNO

E' morta a Pietrapertosa (Potenza), nella sua casa, come lei aveva sempre voluto, circondata dall'amore dei suoi famigliari, Lucia Lauria, che, con 113 anni, quattro mesi e 25 giorni, risultava essere la donna più vecchia d'Italia e d'Europa. Secondo quanto riportato dalla tabella del sito internet del "Gerontology Research Group", infatti Lucia Lauria - che era nata a Pietrapertosa il 4 marzo 1896 - era la persona più vecchia d'Europa, preceduta in tutto il mondo solo da altre otto, in prevalenza americane e giapponesi: al "primo posto" c'è la statunitense Gertrude Baines, nata il 6 aprile 1894. Il primato italiano resta invece quello di Virginia Dighero, morta a Lavagna (Genova) il 28 dicembre 2005, all'età di 114 anni e quattro mesi. Nonna Lucia è morta nel piccolo paese delle Dolomiti lucane, dove era arrivata nei giorni scorsi da Salerno, città nella quale trascorreva i mesi più freddi dell'anno. A Pietrapertosa, le sue condizioni di salute erano peggiorate, ma a Nonna Lucia non e' mai mancato l'affetto dei suoi cari e dei suoi compaesani, che ne hanno sempre sottolineato la riservatezza. Non a caso, negli ultimi anni della sua vita, più volte fotografi ed emittenti televisive avevano chiesto alla famiglia l'autorizzazione, mai ricevuta, di riprendere la donna. Ad esempio, nessuno era potuto entrare nella casa di Salerno lo scorso 4 marzo, quando Nonna Lucia ha festeggiato il suo 113/o compleanno. Insieme a lei c'erano una figlia di 83 anni e il genero che l'hanno accudita negli ultimi 30 anni. Un altro figlio di Nonna Lucia, medico, si trova da tempo negli Stati Uniti. Proprio i figli (un terzo è morto alcuni fa) hanno rappresentato l'amore piu' grande della donna lucana che, in tutti i suoi 113 anni, non aveva mai avuto particolari problemi di salute, fatta eccezione per un'operazione di cistifellea, nel lontano 1953. I parenti e gli abitanti di Pietrapertosa hanno sempre raccontato che "Nonna Lucia non nascondeva alcun segreto: la sua - ricorda il sindaco del paese lucano, Pasquale Stasi - è stata una vita normale, regolare". E da oggi anche i cittadini di Pietrapertosa saranno un po' più soli, ma nel cuore manterranno il ricordo di quella donna, che nel paese tanto amato amava trascorrere le sue giornate dietro al balcone, per vedere i suoi compaesani passeggiare.

TRUFFA DA 85 MILIONI DI EURO AI DANNI DELLO STATO, ARRESTATI 6 IM PRENDITORI TRA SALERNO, NAPOLI E CASERTA. INDAGATI IN 59

Un maxi frode fiscale per un valore di circa 85 milioni di euro è stata scoperta dalla guardia di finanza di Salerno. Ancora in corso l'operazione che ha portato all'arresto di 6 persone e all'esecuzione di 10 misure interdittive. Complessivamnete sono 59 le persone indagate, per lo più imprenditori che operavano nelle provincie di Salerno, Napoli e Caserta. La frode veniva messa in atto con fatture per operazioni inesistenti. Sequestrate anche 15 aziende. In tutto 200 gli uomini delel Fiamme gialle impegnati nell'operazione che ha portato anche al sequestro di 15 aziende. Delle 6 persone arrestate, due sono in carcere e alle altre quattro sono stati concessi gli arresti domiciliari; dieci le misure interdittive all'esercizio d'impresa, oltre che all'apposizione di sigilli a 15 aziende operanti nel settore del commercio di imballaggi e cassette in legno e al sequestro di beni immobili e mobili, quote societarie, somme di denaro per complessivi 24 milioni di euro. L'indagine ha preso il via nel 2007 da una segnalazione su anomale movimentazioni sui conti correnti di un noto imprenditore di Angri. Nella frode fiscale sono coinvolti, a vario titolo, 59 imprenditori, molti dei quali titolari di imprese "cartiere", costituite cioè solo per simulare operazioni commerciali, in realtà mai avvenute, ed emettere una serie impressionante di fatture false. L'operazione portata a termine è il frutto di un meticoloso lavoro di ricostruzione, durato quasi due anni, che ha permesso alle Fiamme Gialle di Salerno, sotto la direzione della procura di
Nocera Inferiore, di venire a capo di uno dei più articolati sistemi di frode al fisco, con riflessi su tutto il territorio nazionale ed oltre confine, mai congegnati da imprese campane. In particolare, durante le indagini, svolte anche con il supporto delle intercettazioni telefoniche, è stata accertata l'emissione e l'utilizzazione di circa 1500 fatture false, per un volume di operazioni fittizie ammontanti complessivamente ad 85 milioni di euro e la precostituzione di indebiti crediti d'imposta ai fini dell'Iva e delle imposte sui redditi pari a oltre 34 milioni di euro. Le indagini inizialmente orientate su imprenditori operanti nell'agro nocerino-sarnese, sono state successivamente estese, in maniera preponderante, su soggetti della provincia di Caserta, tutti pressochè riconducibili ad una nota famiglia di imprenditori di Aversa, che aveva, da tempo, esteso i propri interessi economici sulla provincia di Salerno. In particolare, un imprenditore aversano, Gabriele Brusciano, tra i principali attori della maxi-frode, destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari insieme al fratello Luigi, già nello scorso mese di marzo era stato arrestato dagli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria di Salerno, su ordine della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, per aver favorito la latitanza di Giuseppe Setola, il capo del gruppo di fuoco del clan dei Casalesi, e poi è stato scarcerato dal Tribunale del Riesame. Il sodalizio criminale aveva "succursali" in Francia, dato che due degli imprenditori indagati sono i rappresentanti legali anche di società transalpine che, pur non essendo operative, producevano giri di fatture false per milioni di euro, a favore delle imprese campane coinvolte nella frode. L'azione repressiva svolta dalle Fiamme Gialle di Salerno ha consentito, infine, il recupero effettivo di una consistente parte degli illeciti introiti conseguiti dal sodalizio criminale, attraverso il sequestro degli immobili, delle autovetture e delle disponibilità di denaro degli comunque riconducibili agli indagati, congelando conti correnti bancari e portafogli titoli esistenti presso 48 diversi istituti di credito su tutto il territorio nazionale.

domenica 28 giugno 2009

OMICIDIO MATRULLO A SECONDIGLIANO, IDENTIFICATI GLI ASSASSINI

Con l'omicidio di Antonio Matrullo, di 23 anni, ucciso l'altro pomeriggio a Secondigliano, in piazza Zanardelli, cuore del regno di Paolo Di Lauro, sale a 39 il numero delle persone assassinate dall'inizio del 2009. Sei gli omicidi consumati solo a giugno. Nessuno dei responsabili di questi sei omicidi è stato finora scoperto. C'è altissima tensione nella zona della fiada di camorra, quanto invece all'omicidio, gli inquirenti avrebbero già imboccato la pista giusta per identificare gli assassini.

G8 ALL'AQUILA, L'EX DEPUTATO CARUSO PROPONE: ALLEANZA NO GLOBAL-TERREMOTATI PER PROTESTARE

"Le mobilitazioni durante il G8 prendano forma e vengano gestite in modo determinante dai terremotati". E' la proposta lanciata dall'ex parlamentare del Prc Francesco Caruso che, in una nota, dice la sua sul vertice internazionale, proponendo un percorso comune tra No global e comitati dei comuni colpiti dal sisma. "La scelta di L'Aquila per il vertice G8 nasce - scrive Caruso - con l'ignobile intento di utilizzare il dramma dei terremotati come fonte di rilegittimazione di quel rito cerimoniale di ostentazione del potere globale, all'interno dello spazio 'pieno' dello stato di eccezione in vigore nel contesto aquilano". Tuttavia, continua la nota, "la nascita di una molteplicita' di comitati di sfollati sono il frutto di un processo di costruzione sociale fondato sul rovesciamento del ruolo e dell'identità del 'terremotato' da vittima passiva a protagonista attivo di una ricostruzione dal basso in grado di disvelare i dispositivi del 'capitalismo della catastrofe'. E' un processo embrionale di riappropriazione del territorio e della democrazia espropriata che, malgrado la sua gracilità, puo' ribaltare l'immenso investimento simbolico del governo Berlusconi sul terremoto aquilano, finalizzato a rafforzare il suo modello di governance verticale ed autoritaria".

BASKET, L'IMPRENDITORE NAPOLETANO CIRO DI PIETRO VUOLE RILEVARE IL PISA RETROCESSO IN LEGA PRO

L'imprenditore napoletano Ciro Di Pietro sta trattando l'acquisto del Pisa, il club retrocesso quest'anno in prima divisione di Lega Pro che rischia di non potersi iscrivere al campionato. Lo ha annunciato il presidente Luca Pomponi, in difficoltà economiche per garantire le coperture finanziarie necessarie all'iscrizione al campionato (servono due milioni di euro entro l'8 luglio).
Immobiliarista attivo soprattutto in Umbria, fornitore della metropolitana di Napoli e con investimenti recenti nel campo del fotovoltaico industriale, Di Pietro si è già incontrato con Pomponi e domani probabilmente vedra' il sindaco di Pisa Marco Filippeschi.

TRAGICA ESPLOSIONE A MARINA DI PISCIOTTA PER UNA FUGA DI GAS, FERITI IN MANIERA GRAVE ANTONIETTA CASSESE E IL MARITO SILVERIO CAMPANILE

Forte esplosione per una fuga di gas questa mattina in una villetta trifamiliare a Marina di Pisciotta, in provincia di Salerno: due coniugi sono rimasti feriti, in modo grave. Intorno alle 8.30 Antonietta Cassese, 49 anni, ha acceso i fornelli della cucina senza accorgersi che l'ambiente era saturo di gas. La deflagrazione è stata improvvisa e la vampata di fuoco ha colpito anche il marito, Silverio Campanile, 56 anni. Lei ha riportato ustioni di terzo grado su varie parti del corpo, lui di secondo grado sul 60%. Sono stati ricoverati in principio in alcuni ospedali locali, quindi trasferiti al centro ustioni di Palermo, essendo pieni quelli di Napoli e Roma. La prognosi è
riservata, anche se non sembrano in imminente pericolo di vita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Vallo della Lucania e i Vigili del Fuoco: le palazzine accanto la villetta non hanno riportato lesioni tali da costringere i pompieri ad ordinare l'evacuazione. I carabinieri sono al lavoro per capire da dove sia uscito il gas, se dai fornelli o da una bombola all'esterno dell'abitazione.

ARRESTATI NEI PRESSI DELLA STAZIONE CENTRALE DI NAPOLI DUE ALGERINI, AVEVANO BANCONOTE FALSE DA 50 E 20 EURO

Due algerini, rispettivamente di 45 e 31 anni, sono stati arrestati perchè trovati in possesso di banconote false. I due malviventi nascondevano avvolte in un giornale 50 banconote da 20 euro ciascuna false. Le banconote avevano tutte lo stesso numero seriale. Gli arresti sono avvenuti al corso Garibaldi, poco distante dalla stazione centrale di Napoli. Gli extracomunitari hanno cercato di darsi alla fuga ma sono stati bloccati dalle forze dell'ordine. Successivamente nel corso di una perquisizione nell'abitazione dei due algerini sono state trovate altre 50 banconote da 20 euro e 560 da 50 euro. Complessivamente sono stati sequestrati 28 mila euro pronti per essere immessi sul mercato. I due sono stati rinchiusi nel carcere di Poggioreale.

sabato 27 giugno 2009

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO INCONTRA A CAPRI LO SCRITTORE ROBERTO SAVIANO

Week end di assoluto relax a Capri per il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ad accompagnarlo la signora Clio ed una scorta sempre discreta. Per il Capo dello Stato la mattinata è trascorsa facendo una lunga passeggiata verso Punta Tragara passando per via Camerelle. Visite a negozi, un salto in libreria, poi ad ammirare i Faraglioni dall'alto. Uno spettacolo incantevole quello offerto da Capri. Applaudito dai turisti che in più di un'occasione hanno potuto chiacchierare anche col Capo dello Stato, grazie a quel minimo cordone di sicurezza che ha consentito questo tipo di incontri che al presidente e signora non dispiacciono. Nel corso della passeggiata Napolitano si è intrattenuto per qualche minuto anche a chiacchierare con Vincenzo Maria Siniscalchi, consigliere laico del Csm. Poi un drink al bar del Quisisana e il pranzo all'Hotel La Palma. Nel primo pomeriggio l'incontro fuoriprogramma con lo scrittore Roberto Saviano, l'autore di Gomorra, che è andato a fare visita al presidente in albergo. Una lunga chiacchierata, durata più di un'ora, poi l'uscita di Saviano dal retro per evitare i giornalisti.

SECONDIGLIANO, PRESI TRE RAPINATORI CHE SI ERANO INTRODOTTI NELLA BANCA CON TAGLIERINO. ALL'USCITA HANNO TROVATO LA POLIZIA

MICHAEL JACKSON,ICONA DEL POP DA OGGI E' UNA STATUETTA DEL PRESEPE DI SAN GREGORIO ARMENO GRAZIE A GENNY DI VIRGILIO











venerdì 26 giugno 2009

OMICIDIO DI CAPODANNO AI QUARTIERI SPAGNOLI, 10 ANNI DI CARCERE PE R MANUELA TERRACCIANO. E' ACCCUSATA DI AVER UCCISO NICOLA SARPA

Manuela Terracciano, 24 anni, accusata di aver sparato con una pistola la notte di San Silvestro 2008 per festeggiare l'arrivo del nuovo anno e di aver ucciso, ai Quartieri Spagnoli, Nicola Sarpa, 23 anni, è stata condannata a 10 anni di reclusione in primo grado. La donna, assistita dall'avvocato Gaetano Inserra, era stata ammessa al rito abbreviato

E' ARRIVATA SULL'ISOLA DI ISCHIA, A CASAMICCIOLA, LA SALMA DI MASSIMILIANO COLETTA, L'OPERAIO UCCISO IN GHANA NEL CORSO DI UNA RAPINA

E' arrivata a Ischia, dopo una sosta all'aeroporto di Roma Ciampino, la salma di Massimiliano Coletta, l'italiano ucciso a in Ghana giovedi' scorso. L'uomo è stato ammazzato con un'arma da fuoco da una banda di ladri entrati nella sua abitazione per una rapina. La camera ardente è stata allestita nella sala consiliare del Comune di Casamicciola. Domani alle 17,00 i funerali nella parrocchia di Santa Maria Maddalena, a Casamicciola. Massimiliano Coletta ha lasciato la moglie, Annamaria, con i tre figli, Alfredo, Gianmarco ed Alessandra.

MANTOVANO LUNEDI' PRESENZIERA' ALLA RIAPERTURA DI UNA FABBRICA DI MATERASSI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE BRUCIATA DAL RACKET

Alfredo Mantovano, Sottosegretario di Stato all’Interno con delega alla pubblica sicurezza, lunedì 29 giugno, alle ore 18.00 sarà a S. Maria Capua Vetere (CE), in Via Avezzana 11, per la riapertura della fabbrica di materassi “Russo”, vittima del racket. L’evento è promosso dall’Associazione antiracket “S. Maria Capua Vetere per la legalità”. Alle ore 19.00 sarà a Trentola Ducenta (CE), alla Sala Consiliare del Comune, per la presentazione dell’associazione “Unione Casertana Antiracket”. A entrambi gli appuntamenti interverranno anche Tano Grasso, Presidente onorario della FAI, Giosuè Marino, Commissario Straordinario del Governo per le iniziative antiracket e antiusura, e Silvana Fucito, Coordinatrice delle associazioni antiracket e antiusura di Napoli.

CONTROLLI DELLA DIA PER SCONGIURARE INFILTRAZIONI DELLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA NEGLI APPALTI PUBBLICI A NAPOLI

Nella mattinata odierna, personale del Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia di Napoli, congiuntamente a quello della Questura di Napoli, del Comando Provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nonché del locale Provveditorato alle Opere Pubbliche e dell’Ispettorato Provinciale del lavoro, coadiuvati dalla speciale task force costituita presso l’UTG-Prefettura di Napoli a tutela della sicurezza dei cantieri, ha effettuato un accesso ispettivo presso il cantiere della Metropolitana di Napoli denominato “Arco Mirelli”, i cui lavori sono stati appaltati alla società “ARCO MIRELLI s.c.a.r.l.”, per un ammontare complessivo di euro 63 milioni di euro.

Durante l’attività ispettiva, protrattasi per l’intera mattinata, sono stati effettuati controlli su:
nr. 42 persone addette ai lavori;
nr. 10 società appaltatrici o sub-appaltatrici;
nr. 28 automezzi.

Il cantiere sottoposto ad accertamenti ha in essere lo scavo di un imponente pozzo, profondo circa 40 metri, necessario per la costruzione di una stazione di collegamento della Metropolitana, con la Stazione Centrale.

Il sistema metropolitano regionale rientra tra le cosiddette “grandi opere” previste dalla Legge obiettivo n. 443 del 2001, la cui realizzazione è oggetto di costante monitoraggio del Gruppo Interforze costituito presso l’UTG - Prefettura di Napoli.

Nell’ambito dell’attuazione del dispositivo di contrasto finalizzato ad impedire infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia legale dei lavori pubblici, il Gruppo Interforze - formato dalla Direzione Investigativa Antimafia, dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri, dalla Guardia di Finanza, dal Provveditorato alle Opere Pubbliche e dall’Ispettorato del Lavoro - opera un continuo monitoraggio sui cantieri aperti e sulle ditte aggiudicatrici degli appalti al fine di impedire qualsiasi tentativo di affidamento di lavori,commesse o noli ad aziende o a persone legate in qualsiasi modo a sodalizi di criminalità camorristica.

Nel quadro delle attività info-investigative, il Centro Operativo D.I.A. di Napoli svolge un ruolo di impulso delle attività ispettive, sia assicurando l’assetto sinergico con le forze di polizia territoriali, sia agendo in autonomia controllando periodicamente le imprese, gli uomini e i mezzi operanti nei cantieri strutturando metodi e modelli investigativi i cui risultati confluiscono in elaborati demandati alla cognizione del Sig. Prefetto di Napoli, dott. Alessandro Pansa.

Dall’inizio dell’anno sono stati effettuati nr. 4 accessi che hanno consentito
di individuare numerosi soggetti controindicati e controllare n. 36 imprese, n. 99 persone e n. 74 mezzi.

ARRIVA BERLUSCONI A NAPOLI E LA CGIL VUOLE RICORDARGLI CHE "IL GOVERNO NON HA FORNITO RISPOSTE CONCRETE CONTRO LA CRISI"

Un presidio davanti al teatro San Carlo in concomitanza con l'incontro che il premier Silvio Berlusconi terrà martedì 30 giugno a Napoli con gli industriali. Ad annunciarlo è la Cgil che, in una conferenza stampa, ha illustrato le iniziative che la confederazione promuoverà in occasione della due giorni del presidente del Consiglio in città per la presentazione del G8 e per l'assegnazione del premio alle eccellenze di Napoli. "In occasione del prossimo arrivo di Berlusconi a Napoli - hanno precisato il segretario generale della Camera del lavoro, Peppe Errico e il segretario regionale della Cgil Campania, Federico Libertino - abbiamo organizzato una protesta civile, con un volantinaggio per informare la cittadinanza della mancanza di misure da parte in particolare del Governo sulla crisi". "I dati Istat - ha affermato Errico - dimostrano che il paese soffre degli effetti della crisi e il Mezzogiorno paga di più del resto del Paese con 114 mila posti di lavoro in meno su un totale di 204 mila". "Vogliamo ricordare al Presidente, alla Marcegaglia e a Lettieri - ha continuato Errico - la necessità di un impegno trasversale per la convocazione di tavoli di concertazione". "Il Governo ha dimostrato di non volere il confronto, di non voler dare risposte concrete - ha sostenuto Libertino - mantenendo un atteggiamento inaccettabile e assolutamente non in linea con quanto hanno già fatto Governi di altri paesi a partire dagli Stati Uniti". "La crisi non è alle nostre spalle - ha proseguito Libertino - e non è soltanto la Cgil a dirlo ma importanti istituti nazionali come la Banca d'Italia e lo Svimez. Noi vogliamo andare nel merito delle questioni e ricordare in particolare al Governo che sono tanti i settori in affanno a partire dalla Fiat, senza dimenticare il chimico, il tessile, i trasporti, i servizi, ecc.".
"Vogliamo sollecitare un confronto con il Governo sullo stato della crisi a Napoli e in Campania - hanno sostenuto i due segretari. I Fondi strutturali per le aree sottoutilizzate sono diventati un vero e proprio Bancomat del Governo per sottrarre risorse al Sud da destinare al Nord, il Governo deve restituire quelle risorse". "E - hanno continuato i due segretari - provvedere immediatamente all'innalzamento della cassa integrazione ordinaria da 52 a 104 setimane, sbloccare i fondi per gli ammortizzatori in deroga già stanziati per la Campania e individuare nuove risorse per la copertura di tutto il 2009.Bisogna inoltre aprire immediatamente i cantieri delle opere già approvate dal Cipe. Tutti strumenti che potrebbero dare un pò di respiro ai lavoratori".
I due segretari hanno infine posto l'accento sullo stato di Fiat e Atitech: "La Fiat ha asserito che gli stabilimenti non chiuderanno e che a Pomigliano saranno assegnati nuovi modelli. I lavoratori si sono impegnati ma mancano risposte concrete, resta tutto da verificare in termini di piano industriale. Vogliamo che Marchionne definisca la missione produttiva degli stabilimenti di Pomigliano e Pratola Serra, non accettiamo generiche assicurazioni". "Riguardo ad Atitech - ha concluso Libertino - il Governo, Cai e Finmeccanica si stanno sottraendo dagli impegni assunti. Appare del tutto inadeguata, sia sul piano tecnico che su quello finanziario, la proposta di Lettieri in campo. Bisogna riaprire il confronto a palazzo Chigi sul futuro dell'azienda per assicurarle solidità industriale, finanziaria e occupazionale. All'Unione degli industriali di Napoli e della Campania chiediamo un impegno costante e non generico che sia all'altezza della sfida lanciata dalla crisi".

NAPOLI, IL 30 BERLUSCONI PREMIA I 'NAPOLETANI ECCELLENTI' CON MARCEGAGLIA

Sono scienziati, tecnologi, velisti, top manager, calciatori, avvocati internazionali i "Napoletani Eccellenti nel Mondo" che saranno premiati a Napoli, martedì prossimo, 30 giugno, dal Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che ha scelto Napoli per presentare, lunedì 29, il G8 de L'Aquila. I premi verranno consegnati alla presenza della presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. I riconoscimenti, che saranno consegnati nel corso di una cerimonia al teatro San Carlo promossa dall'Unione industriali di Napoli presieduta da Giovanni Lettieri, saranno conferiti a personalità e talenti nati a Napoli che hanno raggiunto grandi successi professionali all'estero ma che hanno sempre mantenuto forti radici partenopee e che, con le loro attività, hanno rafforzato l'immagine della città nel mondo. Come dire, da quì non partono solo i rifiuti e le guerre di Scampia.
"La consegna del Premio -sottolinea l'Unione Industriali di Napoli- vuole essere un tangibile segno di gratitudine della città tutta, per la loro straodinaria attività svolta, fino ad ora, nel segno dell'eccellenza". Ed ad essere insigniti da Berlusconi con il "Napoletani Eccellenti nel Mondo" sono scienziati del calibro di Andrea Ballabbio, Direttore del Tigem, l'Istituto di Telethon di genetica e medicina con sede a Napoli, che, dopo anni all'estero, è tornato nella sua città e che proprio in questi ultimi giorni, con il suo team di ricercatori, sembra aver aperto una nuova via verso la possibile cura dell'Alzheimer e del Parkinson. E ancora. "Napoletani Eccellenti nel Mondo" anche l'armatore Gianluigi Aponte e il velista Francesco De Angelis, sei volte campione del mondo e che ha fatto battere i cuori italiani all'America's Cup. Sul podio anche il velista Vincenzo Onorato, patron di 'Mascalzone Latino' e presidente di Moby Lines, il calciatore Fabio Cannavaro, campione del mondo e pallone d'Oro, l'Ad del gruppo Bulgari, Francesco Trapani, e gli avvocati internazionali Enrico Giliberti e Lucio Ghia.

UCCISO ESPONENTE DEL CLAN DI LAURO IN PIAZZA ZANARDELLI A SECONDIGLIANO

L'uomo ucciso deve essere ancora identificato dai familiari perchè non ha documenti con se, ma si sa che è stato centrato da due proiettili alla testa in piazza Zanardelli a Secondigliano, zona dove regna da sempre il clan Di Lauro e dove vivono i familiari del boss. In ogni caso, la vittima dovrebbe essere A.M.

AGGRESSIONE IN PIAZZA BELLINI, FIACCOLATA DELLE ASSOCIAZIONI PER LA DIFESA DEI DIRITTI DEI GAY. C'ERA ANCHE IL SINDACO

Mancava solo Maria Luisa in piazza Bellini ieri sera alla fiaccolata di solidarietà organizzata a Napoli dalle associazioni omosessuali. La ragazza aggredita una settimana fa assieme al suo amico gay da un gruppo di balordi nella piazza del centro storico napoletano questa mattina è stata operata all'occhio ferito e non ha potuto ascoltare di persona le rassicurazioni del sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino. L'appello della ragazza per una maggiore sicurezza è stato accolto dal primo cittadino che ha promesso per oggi le prime iniziative. Il sindaco era seccata per l'assenza dei vigili urbani. Iervolino ha infatti incontrato alla manifestazione Gennaro, il ragazzo aggredito assieme a Maria Laura, e dopo aver ascoltato il racconto della violenza ha promesso l'istallazione delle telecamere nella piazza. Gennaro è ancora spaventato. Pochi minuti prima dell'inizio della fiaccolata ha avuto una accesa discussione con una decina di persone che ha contestato il senso della manifestazione. "Ho paura - ha detto il giovane - sono disposto anche a lasciare questa citta'. E' l'ultima volta che vengo in questa piazza, l'ho fatto solo per la mia amica". Maria Luisa ha affidato a un amico il compito di portare un saluto alla piazza. Una lettera di due pagine scritte di proprio pugno nelle quali ha ringraziato le persone che le sono state vicino, ha condannato chi non è intervenuto quella sera e ha chiesto ancora una volta più sicurezza nella piazza.

CONTROLLI DELLA DIA NEI CANTIERI DELLA METROPOLITANA DI MERGELLINA PER PREVENIRE POSSIBILI INFILTRAZIONI MAFIOSE NEGLI APPALTI

Personale della Direzione investigativa antimafia (Dia), in collaborazione con la Questura di Napoli, il Comando Provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, l'Ispettorato del lavoro ed il Provveditorato alle Opere Pubbliche, stanno effettuando controlli presso il Cantiere della Metropolitana di Napoli aperto in Largo Sermoneta. I controlli riguardano il pericolo delle infiltrazioni della camorra nella realizzazione dell'opera pubblica nonchè i profili della sicurezza sul lavoro, della gestione dei sub appalti e delle regolarità nella gestione amministrativa del cantiere.

NAPOLI, MIGLIAIA DI MINORI SENZA CURE PER LA MANCATA CORRESPONSIONE DELLE RETTE AGLI ENTI SENZA FINI DI LUCRO DA PARTE DEL COMUNE

Manifestazione di protesta dei rappresentanti di circa settanta enti senza scopo di lucro, laici e religiosi, che assistono minori ed anziani, spesso provenienti da situazioni di disagio. Mamme, papà, qualche bimbo e anche suore insegnanti stanno protestando davanti alla sede del Comune: per circa 15 minuti hanno anche bloccato il transito delle auto in piazza Municipio. Gli enti, associati all'Uneba, denunciano "il mancato pagamento dei fondi, dal 1 settembre 2007, da parte del Comune di Napoli": assenza di soldi, dicono, che mette a rischio il prosieguo delle attivita' degli enti e le colonie estive.

N A

Manifestazione di protesta dei rappresentanti di circa settanta enti senza scopo di lucro, laici e religiosi, che assistono minori ed anziani, spesso provenienti da situazioni di disagio. Mamme, papà, qualche bimbo e anche suore insegnanti stanno protestando davanti alla sede del Comune: per circa 15 minuti hanno anche bloccato il transito delle auto in piazza Municipio. Gli enti, associati all'Uneba, denunciano "il mancato pagamento dei fondi, dal 1 settembre 2007, da parte del Comune di Napoli": assenza di soldi, dicono, che mette a rischio il prosieguo delle attivita' degli enti e le colonie estive.

BANDIERA NERA ALLA REGIONE CAMPANIA PER LE COSTE INQUINATE E I DEPURATORI CHE FUNZIONANO MALE

C'è il litorale Domizio-Flegreo e la zona archeologica di Capo Colonna a Crotone: dalla Campania alla Calabria, dal Veneto all'Abruzzo e al Molise, poi Sicilia, Lazio, Toscana e Liguria. Sono queste le bandiere nere 2009 assegnate da Legambiente ai "pirati" che hanno "danneggiato il mare e la costa". Ecco la lista dei "cattivi" stilata da Legambiente:
- In Veneto a "Volare Venezia" per il progetto di villaggio turistico su palafitte nel Delta del Po, su scanno Palo, a Porto Tolle: 4-5 punti di ristoro, per la costruzione di un nuovo collegamento mobile a sud e un percorso sospeso sull'acqua verso circa 200 unità abitative poste su palafitte;
- In Abruzzo al comune di Francavilla per il resort sulla spiaggia, ora sotto sequestro della magistratura;
- In Molise, al comune di Termoli per la scelta di costruire un deposito ittico a ridosso delle mura medievali del borgo antico.
- In Calabria, al sindaco di Crotone per il mancato abbattimento degli abusi nell'area archeologica di Capo Colonna, dove 35 manufatti abusivi permangono indisturbati, nonostante una sentenza della Cassazione dopo un iter giudiziario cominciato nel 1995;
- In Sicilia, al comune di Palermo per il mancato abbattimento delle ville abusive costruite dalla mafia negli anni 70 a Pizzo Sella;
- In Campania, la bandiera viene assegnata per la terza volta a Regione, commissario di governo per le Acque, Arpa e diverse amministrazioni comunali e provinciali per la mancata depurazione delle acque del litorale Domizio-flegreo, per "l'immobilismo e la pessima gestione degli impianti di depurazione campani." Il cattivo funzionamento riguarda i cinque impianti di Cuma, Foce Regi Lagni, Acerra, Napoli nord e Caserta;
- In Lazio, alla provincia di Latina e al sindaco di Sabaudiaper le aggressioni al lago di Paola; - In Toscana, al comune di San Vincenzo per la speculazione edilizia nella tenuta di Ripigliano; - In Liguria alla 'Porto di Imperia spa' per aver realizzato uno degli approdi piu' grandi, con oltre 1000 posti barca, una mega speculazione con un danno pesante al territorio costiero e all' ambiente marino.

giovedì 25 giugno 2009

"SEGNI E SOGNI" DI BEPPE PALOMBA IN MOSTRA A RAVELLO E AD AMALFI

Venerdì 26 Giugno alle 18,00 la Mostra “Segni & Sogni” curata da BeppePalomba per l’Accademia della Bussola, inaugura all’Hotel Parsifal aRavello e contemporaneamente ad Amalfi, nei giardini del Museo MaoMangieri, una doppia tappa in concomitanza con l’inaugurazione del Festival di Ravello.Nella splendida Città della Costiera, nel portico medievale di questopiccolo gioiello che è Villa Parsifal e nella sede museale che celebraun grande scultore amalfitano, nei vicoli più suggestivi dell’anticaRepubblica Marinara di Amalfi, saranno esposte le opere omaggio almondo del Sogno e dei Sogni frutto del lavoro di Artisti, cherispondono ai nomi di Gino Paoli, qui in veste di pittore, ClaudioAnzidei, Giulio Baistrocchi, Lorenzo Cataneo, Mariangela Chianese,Elena Cicchetti, Valeria Finazzi, Ester Foglia, Alberto Fontanella,Renato Maria Giordano, Umberto Gorirossi, Ombretta Greco, M. TeresaKindjarsky, Daniel Lifschitz, Vilma Maiocco, Mary Palomba, LindaPonticiello, Luigina Rech, Maria Pia Rella, Ariane Schuchardt,Emanuela Simoncini, Marcello Ursomando, Maria Vinci e GianfrancoZazzeroni.L’originalità dell’evento consiste nella organizzazione di due mostre“parallele” per cui le opere saranno scambiate tra una sede e l’altrain modo che “Segni & Sogni” possa essere fruita tra Amalfi e Ravellocome una manifestazione “in divenire”, con l’aggiunta e lasostituzione di lavori in modo da essere sempre “nuova”, peringenerare nel visitatore la voglia di ritornare e goderne il valoreestetico e insieme poetico, come testimoniato dal successo deipannelli riportanti sogni, aspirazioni, desideri e progetti degliArtisti, tutti scritti che saranno poi raccolti a Settembre in unapreziosa pubblicazione a tiratura limitata, il secondo numero (dopoquello su “i colori del ‘68”), dei Quaderni dell'Accademia insiemeagli elaborati di altri prestigiosi collaboratori come poeti,scrittori e letterati. Un volume che va oltre il concetto del merocatalogo per diventare un autentico “Libro dei Sogni” arricchitodalle riproduzioni delle vere protagoniste, le opere d’Arte deiMaestri partecipanti.La Mostra resterà aperta tutti i giorni dalle 10,30 alle 12 e dalle17,30 alle 20,30.Il vernissage con la presenza degli Artisti è previsto a RavelloVenerdì 26 Giugno e ad Amalfi Sabato 27 alle ore 18,00

CAPRI'S FASHION STYLE, E L'ISOLA CON LA MODA DIVENTA ANCORA PIU' GLAMOUR ED ESCLUSIVA

Nasce “Capri’s Fashion Style”, la kermesse caprese di Moda, Stile, Fascino e Seduzione, impreziosita da una nota Glamour di magica esclusività. La location è d’eccellenza... Capri, “perla di infinita eleganza”, luogo affascinante e raffinato, dove lasciarsi trasportare dall’intrigante seduzione di un’atmosfera magicamente esclusiva… Questa, la cornice prescelta per l’evento/convegno “Capri’s Fashion Style”, in data 26 e 27 giugno 2009, a celebrazione dell’eccellenza.A Capri, simbolo di Eleganza e Prestigio, dove l’armonia e la raffinatezza sono protagoniste indiscusse, è di scena “sensualità creativa e irresistibile seduzione di stile”, ad opera di giovani stilisti, dal design accattivante, declinato in infinite sfumature di sobrio appeal. Fashion designer, riconosciuti a livello internazionale e scrupolosamente selezionati, interpretano lo stile con accurata ricerca stilistica, ne intuiscono le forme, rinnovando il fashion design, in sofisticati dettagli, estremamente raffinati, che coniugano gusto e culto dell’esclusività, disciplina ed entusiasmo creativo. Venerdì 26, le collezioni sfileranno presso la “Splendida protagonista delle notti capresi”, la Taverna Anema e Core, “Elisir di musica e divertimento”, luogo d’emozionante atmosfera e meta del jet set internazionale, in presenza di una giuria d' eccezione, costituita da importanti esponenti dell' imprenditoria e del settore moda.Il sabato 27, l’Hotel Caesar Augustus di Anacapri, lussuosa residenza di Charme e Fascino esclusivi, accoglierà “Capri’s Fashion Style”, ospitando il talento dei fashion designer, che sfileranno sull’incantevole “Terrazza del Tramonto”. L’elegante villa appartiene da oltre tre generazioni alla Famiglia Signorini e, l’attuale proprietario Paolo e sua moglie Patrizia, saranno lieti di darVi il loro caloroso benvenuto sull’ esclusiva “Terrazza della Statua”, immersa in un’atmosfera incantata, che si affaccia su una delle più suggestive vedute del Golfo .“Capri’s Fashion Style” unisce al fascino di uno stile semplicemente raffinato, ispirato da passione e ricercato design, una “mostra itinerante”, che si svelerà nelle locations più suggestive dell'isola, dalla Piazzetta a Via Camerelle nonchè nel fantastico giardino del Palazzo Congressi di Capri. Altra nota di piacevole intrattenimento e di straordinario impatto visivo, sarà l'esposizione fotografica “in bianco e nero”, che ritrae in chiave inusuale i volti storici della mondanità a Capri e le opere fotografiche del maestro Carlo Borlenghi, vera e propria icona dell' arte fotografica nel campo della vela mondiale.Siete inviati a Capri, “l’isola che seduce l’anima”, per vivere le “irrinunciabili emozioni” di “Capri’s Fashion Style”, le sue Suggestioni di stile e il Senso dell’unicità”, quale perfetta sintesi di eleganza e glamour, espressione di ricercatezza ed esclusività, sinonimo di lifestyle ed estetica. Prossimi appuntamenti della kermesse, all’insegna del Fashion Style, Charme e Seduzione, Monte Carlo, Portofino, Porto Cervo e St. Tropez.
Programma 26-27 giugno
“Capri’s Fashion Style”
Sug!"ioni # "ile
26 Giugno
Ore 18.00 Convegno: “Nuove Tendenze, Orientamenti e Prospettive del fashion
style nazionale” presso Palazzo dei Congressi di Capri
Ore 19.00 Aperitivo presso i Giardini della Flora Caprense
Ore 24.00 Sfilata delle creazioni di fashion designer, alla Taverna Anema e Core
27 Giugno
Ore 21.30 Cocktail presso la “Terrazza della Statua”, Hotel Caesar Augustus di
Anacapri
Ore 22.30 Sfilata presso la splendida “Terrazza del Tramonto”, Hotel Caesar
Augustus, con premiazione di nuove proposte, ideate da talentuosi
fashion designer, scrupolosamente selezionati.
In collaborazione con:
Comune di Capri
Fiuggi
Taverna Anema e Core di Guido Lembo
Jaguar Yacht
Hotel Caesar Augustus
imedia
Yacht Support

AL VIA SABATO LA NUOVA EDIZIONE DEI “PERCORSI DI LUCE” NELLA REGGIA DI CASERTA

Partirà sabato prossimo, 27 giugno, la settima edizione dei “Percorsi di luce” nella Reggia di Caserta, per la prima volta interamente gestita dall’Ente Provinciale per il Turismo di Caserta, con la direzione artistica di Francesco Capotorto.
Per il 2009 l’iniziativa raddoppia: la programmazione, infatti, prevede un ciclo di eventi che dureranno fino a maggio 2010, con l’obiettivo di integrare sempre più la manifestazione con le offerte del sistema turistico nazionale e internazionale. Pertanto, oltre a riproporre per tutto il periodo estivo (da giugno a ottobre) il percorso nel Parco della Reggia, dopo tre anni ritorna il percorso invernale negli appartamenti storici (da novembre a maggio 2010). Da qui il titolo scelto: “Percorsi di luce nella Reggia. Le stagioni reali”.
L’appuntamento si conferma così fiore all’occhiello dell’offerta turistica della Regione Campania. Dal 2003 l’evento ha richiamato più di centomila visitatori, con particolare attenzione ai flussi turistici organizzati.
L’innovazione tecnologica è l’altra novità dell’edizione 2009. I visitatori stranieri potranno disporre di un sistema audio personalizzato, progettato ad hoc, che attraverso l’utilizzo delle cuffie permetterà l’ascolto nelle diverse lingue, consentendo di accogliere al meglio gruppi misti di stranieri e di rilanciare la dimensione internazionale dei “Percorsi di Luce”.
“Le novità introdotte quest’anno – sottolinea l’amministratore dell’Ept di Caserta, Enzo Iodice – arricchiscono la formula ormai consolidata della manifestazione, rendendola più moderna e ancora di più al servizio dei visitatori”. Iodice aggiunge: “Abbiamo realizzato una programmazione tempestiva, che consente di promuovere anche all’estero l’evento fino a maggio del prossimo anno e di organizzare pacchetti turistici dedicati. Siamo riusciti a fare sistema ed è questa la strada obbligata su cui il turismo deve puntare”. E la nuova edizione sta già suscitando l’interesse del pubblico: per la serata inaugurale dei “Percorsi di luce” sono già arrivate circa cento prenotazioni.


IL PERCORSO ESTIVO
Il percorso estivo si snoda tra i maestosi viali del parco all’italiana e i sinuosi sentieri del Giardino Inglese.
Dopo aver percorso il viale d’accesso al chiarore delle fiaccole, accompagnati da musiche del Settecento e guidati da esperti storici dell’arte, i visitatori verranno condotti a bordo di un bus “City sightseeing” fino alla fontana di Diana e Atteone e di lì procederanno a piedi all’interno del Giardino Inglese. Alla luce delle lanterne verranno narrati i segreti significati massonici ed esoterici che sottostanno alla creazione del giardino, voluto da Maria Carolina di Borbone, immergendosi in un’atmosfera magica nella quale gli alberi e la natura sembrano prendere vita.
Attraverso un mix di luci, musiche e performances d’autore, si verrà catapultati all’interno dello spettacolo inseguendo il “Destino dei Miti”, filo conduttore che domina tirannicamente gli dei e le vicende umane.

LA SCHEDA

PERCORSI DI LUCE NELLA REGGIA. LE STAGIONI REALI
DOVE: Reggia di Caserta.
QUANDO: Tutti i weekend (venerdì, sabato e domenica) a partire da un’ora dopo il tramonto. La settimana di ferragosto il percorso sarà proposto tutte le sere.
PRENOTAZIONE: obbligatoria.
CARTE DI CREDITO: sì.
INFO: www.percorsidiluce.it

STAZIONE DELLA CIRCUMVESUVIANA, ARRESTATI DUE AGGRESSORI

Gli agenti dell’ Ufficio Prevenzione Generale, hanno arrestato Giovanni Turiello 51enne, pregiudicato e Patrizia Mignano 50enne, pregiudicata, resisi responsabili dei reati di violenza e resistenza a pp.uu. nonchè denunciati per i reati di lesioni a pp.uu., danneggiamento ai beni della P.A., lesioni personali dolose, porto abusivo di armi.
I poliziotti, ieri sera, sono intervenuti al Corso Garibaldi, nei pressi della stazione della Circumvesuviana, in aiuto di una coppia.
Quest’ultima, mentre era in attesa del treno, senz’alcun motivo veniva circondata da una coppia di mezza età, visibilmente alterati.
I predetti, prima verbalmente e poi armati di coltello tentavano di ferire i due viaggiatori che increduli si allontanavano dal posto chiedendo aiuto.
Il provvidenziale intervento delle Volanti della Questura, coadiuvati anche da personale dell’Esercito, ha evitato che la situazione potesse degenerare.
Nelle fasi concitate Mignano, infatti non esitava a scagliarsi contro il malcapitato che, nel tentativo di proteggere l’amica, veniva colpito alle spalle con delle stampelle.
Gli agenti, dopo aver avuto una colluttazione con gli aggressori, li hanno arrestati.
I poliziotti, le vittime e gli aggressori, per le ferite riportate sono dovuti ricorrere alla cure mediche ospedaliere.
I due aggressori, in mattinata , saranno giudicati con rito per direttissima.

DANTE FERRETTI AMBASCIATORE DELL'ISCHIA GLOBAL FEST NEL MONDO, ELSA PATAKI SARA' LA MADRINA

Lo scenografo Dante Ferretti, vincitore di due premi Oscar, sarà “ambasciatore dell’Ischia Global Fest nel mondo” e presenterà ufficialmente l’evento a Napoli, con il regista danese Bille August ed il governatore della Regione Campania Antonio Bassolino, venerdì 10 luglio. L’attrice spagnola Elsa Pataki sarà altresì la madrina del 7° Film & Music Festival in programma sull’isola verde dal 12 al 19 luglio. Lo ha annunciato Giancarlo Carriero, presidente delll’Accademia Internazionale Arte Ischia che promuove il Festival insieme all’Ept di Napoli con il sostegno dell’Unione Europea e della Regione Campania insieme alla DG. Cinema. Un classico dell’estate mondiale che vedrà uno straordinario cast di artisti sfilare tra le strade di Ischia tra proiezioni, premiazioni, performance e approfondimenti culturali ed industriali dello spettacolo. I registi Marc Forster, Joel Schumacher, Paul Haggis, e Bille August insieme agli attori Matt Dillon Raoul Bova, Rosario Dawson, Michael Fassbender, Maria Grazia Cucinotta, Danny Glover, Angela Basset, Terrence Howard sono tra le prime conferme insieme a Zucchero Fornaciari, il jazzista Eric Lewis e il leggendario rocker inglese Sting che inaugurerà ufficialmente l’evento domenica 12 luglio, la stessa sera in cui Francesca Archibugi e il produttore Riccardo Tozzi riceveranno altrettanti premi per il film “Questione di Cuore” e per la loro attività autoriale ed imprenditoriale.
Tra le attività più attese il Social Cinema Forum dedicato ai diritti dei bambini, il Movie Educational Seminar agli artisti in erba, il Simposio Internazionale della musica presieduto da Tony Renis, il World Script Market con Steven Zaillian, Citto Maselli, Fausto Brizzi e Marco Risi ed il Global Production Summit con il gotha della produzione mondiale.
L’Ischia Global Fest è promosso con il contributo di Caffè Kimbo, Acqua Minerale Fiuggi e Casinò di Venezia insieme a Bnl-Paribas, Cinecittà-Luce Spa, Medmar e Camera di Commercio di Napoli.

mercoledì 24 giugno 2009

SECONDIGLIANO, PRESI TRE RAPINATORI CHE SI ERANO INTRODOTTI NELLA BANCA CON TAGLIERINO. ALL'USCITA HANNO TROVATO LA POLIZIA

CACCIA AGLI ASSASSINI DI LUIGI DE CICCO, 63ENNE TROVATO MORTO NELL E CAMPAGNE DI BOSCOTRECASE. ERA SPARITO IL GIORNO DELLE NOZZE DELLA FIGLIA

L'hanno trovato nelle campagne tra Boscoreale e Boscotrecase, centro ai piedi del Vesuvio. Morto dissanguato, forse a causa del colpo di pistola che il suo carnefice gli ha sparato a distanza ravvicinata. Luigi De Cicco, 63 anni, era sparito sabato passato, mentre festeggiava il matrimonio della figlia in un ristorante poco distante. La sposa ed altri familiari dell'uomo ucciso che ne denunciarono la scomparsa la sera stessa, ai carabinieri spiegarono di averlo visto allontanarsi a bordo di una moto assieme ad un uomo, quasi sicuramente un conoscente. Un allontanamento a cui nessuno diede peso, fino a quando la sera, con gli sposi proccupati per la sparizione di Luigi, i familiari chiusero la festa con un po' di mestizia e si recarono direttamente dai carabinieri per denunciarne la scomparsa. Ieri il macabro ritrovamento del cadavere. Il papà della sposa al momento della scomparsa aveva con se anche 20mila euro. Erano i soldi per pagare il ristoratore che aveva organizzato il pranzo nuziale. Dei soldi nessuna traccia. I carabinieri danno la caccia all'assassino o assassini. Gli investigatori non tralasciano altre piste, compresa quella legata ad una ipotetica rapina finita nel sangue.

ESTORSIONI NEI COMUNI A NORD DI NAPOLI, PRESI AFFILIATI AL CLAN VERDE DI SANT'ANTIMO







In data 04 giugno u.s. personale del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Castello di Cisterna traeva in arresto in flagranza di reato CEPARANO Antimo, nato a Sant’Antimo (NA) il 15.03.1973, elemento di spicco del clan camorristico “VERDE” operante in Sant’Antimo e comuni limitrofi, perché resosi responsabile – in concorso con i pregiudicati DE MASI Giuseppe nato a Napoli il 31.12.1976 e PUCA Carlo, nato a Napoli il 13.07.1984 – del reato di “tentata estorsione” in pregiudizio di una Pizzeria di Grumo Nevano.
L’operazione scaturiva dopo che il proprietario aveva sporto denuncia presso i Carabinieri di Castello di Cisterna nella quale riferiva che, per la tranquilla prosecuzione della propria attività imprenditoriale, avrebbe dovuto pagare la somma di 5.000 euro al CEPARANO quale referente del clan “VERDE” poi pattuita in tre tranches da 1.500 euro cadauna: una a giugno, la seconda a fine luglio e l’ultima nel periodo natalizio.
CEPARANO Antimo, DE MASI Giuseppe e PUCA Carlo venivano tratti in arresto a conclusione di un servizio da parte di personale del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna in occasione del pagamento della prima tranches estorsiva.
Dopo l’arresto venivano svolte ulteriori indagini all’esito delle quali emergevano altre vicende illecite che vedevano il coinvolgimento di soggetti ritenuti contigui al predetto clan camorristico.
In data odierna, pertanto,all’esito della predetta attività di indagine, i militari del Nucleo Investigativo Carabinieri di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo emesso dal P.M. presso la Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti di:
1. LUPOLI Mario;
2. CARTA Gennaro;

In particolare:

LUPOLI Mario è indagato per il delitto di estorsione in quanto, con reiterate minacce - peraltro insite nelle stesse modalità impositive delle richieste siccome provenienti da soggetti ritenuti, da parte della persona offesa, appartenenti o comunque contigui all’organizzazione camorristica denominata clan VERDE, operante in Sant’Antimo e località limitrofe - costringeva i titolari di una pizzeria di Grumo Nevano ad acquistare le forniture di mozzarella, versando somme di denaro, quantificabili in circa 150 euro alla settimana, pari alla differenza tra il prezzo imposto per le predette forniture, di sei euro al chilogrammo, e quello di mercato.
CARTA Gennaro è indagato in quanto, con analoghe minacce, in concorso con un esponente del predetto clan camorristico, costringeva il titolare di un negozio di abbigliamento di Grumo Nevano a consegnargli capi di abbigliamento di vario genere ed importo.

EBOLI, SEQUESTRATA DALLA FINANZA UNA PIANTAGIONE DI MARIJUANA DEL VALORE DI UN MILIONE DI EURO

Nel corso della sempre più stringente attività di controllo del territorio, disposta e coordinata dal Comando Provinciale di Salerno, volta a fronteggiare il dilagante fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti, i finanzieri della Compagnia di Eboli hanno portato a termine un importante operazione. In località “Boscariello” del Comune di Eboli i finanzieri del nucleo mobile hanno sottoposto a sequestro 18 mila piante di marijuana coltivate in un’area di 20 mila metri quadri dove erano state realizzate 80 serre. La coltura era mascherata da una vasta piantagione di ortaggi realizzata volutamente per neutralizzare la vista e principalmente l’acuto odore emanato dall’enorme quantitativo di piante in fase di crescita. La coltivazione della canapa indiana avveniva attraverso un moderno impianto di irrigazione e l’utilizzo di prodotti fertilizzanti che hanno consentito alle piante di raggiungere un’avanzata fase di vegetazione e di fioritura. All’interno del fondo rustico le Fiamme Gialle hanno rinvenuto, poste sotto le serre, circa 6000 piante di marijuana alte circa un metro, mentre altre 12 mila erano in attesa di essere piantate, in quanto la prima parte della crescita veniva effettuata all’interno di centinaia di contenitori di polistirolo posizionati sempre nello stesso terreno.
Le indagini condotte dai finanzieri hanno consentito di individuare due responsabili, si tratta di un cinquantacinquenne di Campagna affittuario del terreno agricolo e di un cinquantenne di Eboli. I due soggetti dovranno rispondere del reato di produzione e coltivazione illegale di sostanze stupefacenti.

SPACCIO DI DROGA, NOTIFICATA UN'ALTRA ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE A TRE SCISSIONISTI

Nella serata del 23 giugno 2009, i militari Del Nucleo Investigativo del Gruppo CC di Castello di Cisterna e della Stazione CC di Martinsicuro (TE) notificavano alle sottonotate persone:
1. CIRIELLO Vincenzo detenuto presso la Casa Circondariale di Frosinone;
2. IORIO Antonio soprannominato “a moneta”, detenuto presso la Casa Circonadiale di Napoli-Poggioreale;
3. IORIO Mario soprannominato “ò pè“, detenuto sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, tutte affiliate al clan camorristico dei cd. “Scissionisti” operante nell’hinterland settentrionale del capoluogo, l’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali n. 18548/09 RGNR - 23140/09 GIP e 410/09 O.C.C. emessa, il 17 giugno 2009, dal Tribunale – Ufficio G.I.P. - di Napoli (che concordava interamente con le risultanze investigative prodotte da quest’Arma a sostegno del Decreto di Fermo eseguito in data 10.6.2009 che portava all’arresto di 14 persone, evento descritto nella segnalazione a seguito) poiché responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, con l’aggravante dell’art. 7 della legge 203/91. Ad espletate formalità di rito, il CIRIELLO e lo IORIO Antonio, restavano presso le Case Circondariali ove erano detenuti, mentre lo IORIO Mario, incompatibile con il regime carcerario per motivi di salute, veniva sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

POZZUOLI, PRESO UOMO DEL CLAN LONGOBARDI. ERA IN POSSESSO DI ARMI

Il 24 giugno 2009, nelle prime ore della mattinata, in Quarto (NA), nel quadro dell’attività di contrasto alle fenomenologie criminali riconducibili ai clan camorristici operanti in Napoli e provincia, i militari del Nucleo Investigativo del Gruppo di Castello di Cisterna unitamente a quelli del Nucleo Operativo della Compagnia CC di Pozzuoli, traevano in arresto, nella fragranza di reato, Fruttaldo Biagio, 37 anni, pregiudicato, ritenuto contiguo al clan “BENEDUCE-LONGOBARDI”” operante nell’area flegrea e comuni limitrofi, poiché responsabile di detenzione illegale di armi, munizioni e ricettazione con l’aggravante dell’art. 7 della legge 203/91. Il predetto, a conclusione di una perquisizione, effettuata presso il proprio domicilio, veniva trovato in possesso di una pistola marca e matricola abrasa, cal. 9x21, in ottimo stato d’uso completa di serbatoio e 14 cartucce stesso calibro.
L’arrestato, ad espletate formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale, a disposizione dell’A.G.

LA CINA E' PIU' VICINA, GRAZIE A INTERNET PECHINO E CASERTA FANNO AFFARI IN TEMPO REALE

Pechino chiama, Caserta risponde. Con una piattaforma tecnologia di comunicazione che sfrutta la rete internet, da questa mattina Italia e Cina sono più vicine. Ad aprire il collegamento con Pechino è stato l’assessore regionale ai Trasporti Ennio Cascetta: “Primi in Italia, oggi abbiamo aperto una ferrovia con la Cina, il nostro sistema di Alta Velocità per aumentare lo scambio commerciale ma anche conoscenza e formazione – ha commentato Cascetta – e sul primo binario è già salita un’impresa privata, la Firema, che ospita la Città della Scienza”. Il programma di cooperazione scientifica gestito dalla Città della Scienza, e avviato 4 anni fa, permetterà un canale privilegiato e tecnologico per mettere in contatto l’offerta italiana e la domanda cinese. La piattaforma permette di co-gestire progetti, presentazioni, stati di avanzamento e si configura come un sistema software per la condivisione di progetti. “Per noi è come avere un portale aperto verso l’Oriente – ha aggiunto Alberto Giraudi, Direttore delle Aree Commerciali & Business Development di Firema – la nostra azienda ha un’opportunità formidabile e con bassissimi investimenti, di poter mostrare quale livello di raffinata tecnologia è stato raggiunto nella realizzazione del prodotto ferroviario e di quali sono le possibili applicazione per il mercato del trasporto cinese”. “Rispetto all’Occidente - ha aggiunto Cascetta – il continente cinese sta facendo una scelta per non dipendere dall’automobile e sta realizzando importanti infrastrutture ferroviarie”. Proprio la Cina è il mercato verso il quale l’Italia si sta orientando. E con ottimi risultati. La bilancia commerciale verso paesi non UE è positiva (dati Istat, maggio 2009) grazie alle tante imprese che hanno scommesso su questo mercato (+181 per cento rispetto al 2008) esportando il top del made in Italy. “La Campania, grazie a strutture come la città della Scienza è all’interno di quella nuvola informatica evocata dall’amministratore delegato della Microosoft, Steve Ballmer – ha concluso l’assessore Ennio Cascetta - un mondo attraverso il quale le interconnessioni permettono di superare la barriera dello spazio e di avviare rapporti commerciali senza dover spostare il patrimonio di uomini e know how in altri Paesi. Il mercato cinese è un’occasione unica per lanciare la nostra regione con il “nord est del sud” e dare risposte concrete alle esigenze di occupazione e sviluppo e combattere la crisi con opportunità che valorizzino il sistema Campania e le sue realtà scientifiche e imprenditoriali di eccellenza”.
Come primo atto, Firema aprirà ai cinesi le porte del sistema di prototipazione virtuale, il simulatore attraverso il quale vengono progettati e sperimentati prima di essere messi in produzioni, tutti i sistemi di trasporto made in Firema. “Tecnologia e connessioni – conclude Giraudi – per avere con la Cina quell’approccio di business connected experience, la possibilità di far vivere gli effetti della tecnologia a migliaia di chilometri di distanza”.

SORRENTO, ASSEGNATO A RENZO ARBORE IL PREMIO CARUSO "PER LA DIFFUSIONE DELLA MUSICA E DELL'ARTE ITALIANA E NAPOLETANA NEL MONDO"

L’annuncio è del Sindaco di Sorrento Marco Fiorentino, insieme ai soci della Fondazione Sorrento, promotrice dell’evento assieme al Comune di Sorrento e alla Regione Campania Assessorato al Turismo. Il premio Caruso, che nelle precedenti edizioni è andato a mostri sacri del panorama artistico, come Andrea Bocelli, Lucio Dalla, Claudio Mattone, Massimo Ranieri e Carla Fracci “quest’anno” ha sottolineato il primo cittadino di Sorrento Marco Fiorentino “verrà assegnato a Renzo Arbore, perchè intendiamo tributare al poliedrico artista un giusto riconoscimento per la grande diffusione della musica e dell’arte italiana e napoletana nel mondo”. Renzo Arbore, nell’apprendere la notizia del riconoscimento che gli verrà consegnato nel mese di luglio ha ringraziato il Sindaco con una nota evidenziando che la sera della premiazione “sarà una bella serata sorrentina, come quelle delle mia lontana giovinezza, che spero di regalarmi in questo importante evento”. Fervono intanto tra gli addetti ai lavori i preparativi per organizzare la kermesse per la festa che sarà in stile “arboriano” e che sarà svelata in una conferenza stampa la cui data sarà annunziata fra qualche giorno.

FORMULA 1, MOSLEY FA RETROMARCIA E SI ACCORDA CON MONTEZEMOLO. L'ANNO PROSSIMO NON CI SARANNO DUE CAMPIONATI

I NOMI DEGLI ARRESTATI NELL'OPERAZIONE DELLA DIA DI SALERNO

Ecco i nomi degli arrestati nell'ambito dell'inchiesta della Direzione Investigativa Antimafia di Salerno, in collaborazione con i Centri Dia di Napoli e Bari.

1. MAISTO Luigi, nato a Salerno
2. DEL VECCHIO Mario, nato a Bari
3. BISOGNI Sergio, nato a Montecorvino Rovella (SA)
4. DI GIOIA Francesco, nato a Ruvo di Puglia (BA)
5. CAPUTO Giuseppe, nato a Vietri sul Mare (SA)
6. SARNO Vincenzo, nato a Sarno (SA)
7. D’ELIA Vincenzo, nato a Cava dè Tirreni (SA)
8. FAIELLA Michele, nato a Cava dè Tirreni (SA)
9. DELLA MONICA Pasquale, nato a Cava dè Tirreni (SA)
10. AVAGLIANO Antonio, nato a Cava dei Tirreni (SA)

E' MORTO A 49 ANNI ANDREA CAFIERO, PRINCIPE DEL FORO NAPOLETANO


E' morto a 49 anni, stroncato da un male incurabile, Andrea Cafiero, avvocato tra i più noti e stimati dell'ambiente giudiziario napoletano. A volte si abusa del termine principe del Foro, ma Cafiero era uno di quegli avvocati che da sempre fanno grande la classe forense napoletana. Lascia la moglie Paola e un figlio di 7 anni che non potrà più godersi il papà. Cafiero era consigliere dell'Ordine e Presidente della Commissione di diritto comunitario internazionale dell'Ordine. Le esequie si terranno alle 11 e 30 di oggi in via Belvedere al Vomero, chiesa di Santa Maria della Libera.

BERLUSCONI PRESENTERA' IL G8 DELL'AQUILA A BORDO DELLA "FANTASIA", NAVE DA CROCIERA GIOIELLO DELLA MSC ORMEGGIATA NEL PORTO DI NAPOLI

Lunedì prossimo, alle 17, al Molo Angioino, a bordo della Nave da Crociera ammiraglia della Msc, la Fantasia, gioiello della flotta, il premier Silvio Berlusconi terrà una conferenza stampa per presentare ufficialmente il G8 dell'Aquila.

INCHIESTA APPALTI PER LA RICOSTRUZIONE POST TERREMOTO IN CAMPANIA, TUTTI ASSOLTI DOPO 29 ANNI PERCHE' I REATI SONO PRESCRITTI

Ve lo ricordate il terremoto del 23 novembre del 1980 in Campania e Basilicata? E gli sprechi, i furti, le ruberie, la dilapidazione di qualcosa come 62mila miliardi di vecchie lire e gli stanziamenti che ancora oggi vengono fatti per quel terremoto nelle Finanziarie omnibus varate dai Governi in carica? E il processo ai politici che all'epoca erano considerati i padroni del vapore? Bene, l'inchiesta sul Terremoto, sulla ricostruzione, che da 29 anni vedeva alla sbarra uomini politici che avevano avuto ruoli importanti nei partiti e al Governo negli anni Ottanta come Paolo Cirino Pomicino, Giulio Di Donato, Ugo Grippo, Franco De Lorenzo, Enzo Scotti e imprenditori come Corrado Ferlaino, è finita con un verdetto emesso ieri dalla Corte di Appello: tutti assolti, tranne Antonio Fantini, ex presidente della Regione Campania. Dopo 29 anni di processo, tutti assolti perchè i reati sono prescritti.

E' MORTO MAURIZIO VALENZI, IL SINDACO ROSSO DI NAPOLI AMICO DI GIORGIO NAPOLITANO. AVREBBE COMPIUTO 100 ANNI A NOVEMBRE
















Maurizio Valenzi, ex sindaco di Napoli delle prime giunte di sinistra dal 1975 al 1983, è morto ieri sera in una clinica «Villa dei Fiori», dove era stato trasferito da circa un mese per un aggravamento delle sue condizioni. Avrebbe compiuto 100 anni il prossimo 16 novembre.





La camera ardente per l' ex senatore comunista e amiuco personale del presidente Giorgio Napolitano sarà allestita nel primo pomeriggio di mercoledì nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino. I funerali si svolgeranno giovedì. A Napoli è noto con l'appellattivo di sindaco "rosso" della città negli anni terribili del terremoto, delle Brigate Rosse e della Nuova camorra di Raffaele Cutolo. Pochi giorni fa, il 13 giugno, in Prefettura a Napoli al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, fu presentata proprio la Fondazione dedicata a Maurizio Valenzi. Fondazione creata nel maggio 2009 dai figli Lucia e Marco che ne sono anche rispettivamente il presidente e vicepresidente. La Fondazione, spiegavano quel giorno i promotori, «ha l'obiettivo di tutelare e consolidare il patrimonio culturale e politico di Maurizio Valenzi e della moglie Litza e di creare a Napoli un'istituzione internazionale, non schierata politicamente, attiva nella cultura e nel sociale"




















BIOGRAFIA DI VALENZI TRATTA DALL'ENCILOPEDIA UNIVERSALE DEL WEB WIKIPEDIA










Maurizio Valenzi (Tunisi, 16 novembre 1909Napoli, 23 giugno 2009) è stato un politico italiano.

Parlamento ItalianoSenato della Repubblica
Sen. Maurizio Valenzi

Luogo nascita
Tunisi
Data nascita
16 novembre 1909
Luogo morte
Data morte
23 giugno 2009
Titolo di studio
Professione
Partito
Partito Comunista Italiano
Legislatura
II, III, IV
Gruppo
Comunista
Coalizione
Circoscrizione
Regione
Collegio
{{{collegio}}}
{{{mandato}}}
Elezione
{{{elezione}}}
Senatore a vita
Nomina
Data nomina
Incarichi parlamentari
[ Pagina istituzionale]
Indice[nascondi]
1 Cenni biografici
2 Bibliografia
3 Note
4 Collegamenti Esterni
//

Cenni biografici [modifica]
Di famiglia ebraica di origine livornese, da più generazioni insediata in Tunisia, è stato protagonista della Resistenza antifascista in Europa.
Si dedica alla pittura e dal 1930 al 1931 ha uno studio a Roma con l’amico Antonio Corpora. Tra il 1935 e il 1936 aderisce con un gruppo di italiani al Partito Comunista Tunisino. Con l’amico Loris Gallico redige il settimanale “L'Italiano di Tunisi”. Nel 1937, all'epoca del governo del Fronte Popolare, è a Parigi per collegare il gruppo dei comunisti tunisini al Centro Estero del PCI e lavora nella redazione della “Voce degli Italiani” diretta da Giuseppe Di Vittorio. Nel 1939 raggiungono Tunisi Giorgio Amendola e Velio Spano. Nel dicembre del 1939 si sposa con Litza Cittanova. Nel gennaio 1941 nasce il figlio Marco.
Nel novembre 1941 viene arrestato, torturato con l'elettricità, resiste agli interrogatori, viene condannato all'ergastolo ed ai lavori forzati dal regime fascista di Vichy e internato per un anno a Lambèse in Algeria. Dal luglio al novembre 1942 è in carcere anche la moglie Litza.
Liberato dagli alleati nel marzo 1943, viene inviato dal PCI a Napoli, per preparare l’arrivo di Palmiro Togliatti dall'Unione Sovietica. Raggiunge la città nel gennaio 1944. In via Broggia viene organizzato un appartamento per i comunisti che arrivano da varie località; là viene ospitato Togliatti e Maurizio Valenzi vive da vicino quella che verrà chiamata la "Svolta di Salerno", esperienza raccontata nel libro "C’è Togliatti" edito da Sellerio nel 1995.
Rimane a Napoli anche dopo questo periodo lavorando sempre come funzionario di partito. Al suo fianco lavoravano leader del PCI come Mario Palermo e Giorgio Napolitano Nel 1952 viene eletto consigliere provinciale. In quell'anno nasce la figlia Lucia.
È senatore eletto nel PCI per tre legislature dal 1953 al 1968, in particolare viene nominato segretario alla Presidenza del Senato e in altra occasione vicepresidente della Commissione Esteri. In quegli stessi anni ha ricoperto diversi altri ruoli istituzionali e di partito, diventando vicepresidente della Commissione di Vigilanza sulla RAI, segretario del Gruppo Comunista al Senato e membro della Commissione Centrale di Controllo del PCI.
Il disegno e la pittura, mai completamente abbandonati, vengono ripresi dopo il 1968.
Consigliere comunale a Napoli dal 1970 al 1975, viene eletto sindaco con una maggioranza relativa. La giunta rimane in piedi per anni grazie al consenso della cittadinanza e al voto tecnico in occasione del bilancio da parte della Democrazia Cristiana. Viene confermato sindaco di Napoli fino al 1983, guidando la città nel periodo del terrorismo e del terremoto. In quel periodo è membro del Comitato Centrale del PCI. Dopo il terremoto del 1980, in qualità di sindaco, viene nominato commissario straordinario per la Ricostruzione.[1]
Nel 1984 viene eletto al Parlamento Europeo nel quale resta in carica fino al 1989.
In occasione dei suoi novanta anni, nel 1999 è stata organizzata una sua mostra antologica a Napoli, nelle sale del Maschio Angioino.

il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la moglie Clio e Lucia Valenzi durante l'incontro di presentazione della Fondazione Valenzi in Prefettura
Nel maggio del 2009 i figli Marco e Lucia danno vita alla Fondazione Valenzi, dedicata al padre Maurizio ed alla madre Litza. La Fondazione è stata presentata il 13 giugno a Napoli al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano[2].

TORRE ANNUNZIATA, NUOVA RETATA CONTRO IL CLAN GIONTA: 29 IN CELLA. BENI DEL VALORE DI 80 MILIONI DI EURO SEQUESTRATI ALLA COSCA

I 29 arresti, eseguiti all’alba dalla polizia e dai carabinieri, sono stati ordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Gli indagati sono considerati picciotti del clan Gionta, cosca egemone nell’area vesuviana, da sempre in rapporti di affari con i clan mafiosi vincenti, e implicata nell’omicidio del cronista del quotidiano il Mattino, Giancarlo Siani. Agli indagati sono stati contestati i reati di associazione mafiosa, traffico di droga ed estorsioni ai danni di decine di imprenditori dei comuni vesuviani, che solo in pochi casi hanno collaborato con la magistratura. Gli arresti si inseriscono nell'operazione denominata “Alta Marea” effettuata lo scorso 4 novembre a carico di altri 80 esponenti dell'organizzazione camorristica attiva a Torre Annunziata.Quella volta in cella finì anche l'intera famiglia del super boss Valentino Gionta. Insieme con Valentino e il figlio Aldo, anch'egli detenuto, rispettivamente di 55 e 36 anni, sono agli arresti la moglie del capo clan, Gemma Donnaruma, di 54 anni, i figli Pasquale e Teresa Gionta, di 31 e 34 anni, oltre a Gennaro Longobardi, cugino di Gemma, di 45 anni. Nel corso dell’operazione Alta Marea, la magistratura napoletana ha sequestrato al clan beni immobili, denaro contante, società ed esercizi commerciali per un valore oltre 80 milioni di euro….

DALL'ITALIA IN BIANCO E NERO A QUELLA DELL'ALTA DEFINIZIONE, LA RIVOLUZIONE DELL'ALTA DEFINIZIONE SKY PRESENTATA A NAPOLI

http://tg24.sky.it/tg24/spettacolo/2009/06/23/Dal_bianco_e_nero_allHD_viaggio_per_lItalia_con_Sky.html

E' stata inaugurata a Napoli da Edoardo Bennato e Stefano Gargiulo "Immagini per definizione", la mostra voluta e ideata da Sky Italia per raccontare il Belpaese attraverso le immagini televisive. Un viaggio nel tempo alla scoperta dell'Italia raccontata attraverso le immagini televisive, dal bianco e nero all'HD passando per il colore. E' il viaggio proposto da Sky con il progetto "Immagini per definizione", che racconta appunto la trasformazione negli anni delle abitudini e del consumo di immagini nel Belpaese partendo da un punto di vista insolito e affascinante per tutti: il mutamento della città attraverso lo scorrere delle immagini televisive che la rappresentano. Ieri l'inaugurazione della mostra a Napoli con Edoardo Bennato e Stefano Gargiulo. Prossima tappa Torino

SALERNO, RETATA DELLA DIA TRA ESPONENTI DELLA CAMORRA LOCALE E BARESE CHE VOLEVANO RICOSTITUIRE LA NCO DI CUTOLO. IN CELLA ANCHE UN PENTITO

La Direzione Investigativa Antimafia di Salerno, in collaborazione con i Centri Dia di Napoli e Bari, ha dato esecuzione, nelle prime ore di oggi, ad ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Salerno, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di numerosi personaggi ritenuti affiliati a clan camorristici operanti nelle Province di Salerno e di Bari. Gli esponenti dei diversi clan avevano concluso un accordo per il compimento di estorsioni ai danni di imprenditori operanti nella Provincia salernitana. Tra i reati contestati nell’ordinanza, vi è anche il tentato omicidio ai danni di personale della Dia: due degli indagati, infatti, hanno esploso, nel corso delle indagini, colpi d’arma da fuoco in direzione di personale impegnato in attività di polizia giudiziaria. Tra gli arrestati vi è anche un collaboratore di giustizia.

BLITZ DELLA DIA A SALERNO, FERMATA LA RICOSTITUZIONE DELLA NUOVA CAMORRA ORGANIZZATA

 

martedì 23 giugno 2009

E' UNA DONNA, SI CHIAMA ANNARITA PATRIARCA, ED E' IL NUOVO SINDACO DI GRAGNANO. I FESTEGGIAMENTI NEL PAESE CON I VERTICI DEL PDL CAMPANO







"THE LOOK OF THE YEAR 2009", DOMANI LA SCELTA DELLE QUATTRO VINCITRICI IN CAMPANIA. LA KERMESSE AL CENTRO COMMERCIALE CAMPANIA DI MARCIANISE

Mercoledì 24 giugno ore 21 al Centro Commerciale Campania si terrà la finale regionale di “The Look of the year 2009” durante la quale saranno elette quattro finaliste campane. Le quattro vincitrici rappresenteranno la regione Campania alla finale nazionale di Cattolica prevista per il 19 luglio. Alle ragazze saranno assegnate 4 fasce: “The look of the year” personalità, stile, bellezza e model award. Le partecipanti al concorso, per l’occasione truccate e pettinate delle allieve della scuola di formazione ArtStudio, sfileranno lungo la scalinata di piazza Campania per poi giungere sul palco e saranno giudicate dallo sguardo attento di una giuria tecnica.
Le candidate indosseranno diversi abiti tra i quali un completino sportware firmato “Nazionale Italiana” e infine un costume da bagno. La serata, presentata da Marica Miranda si concluderà con l’elezione delle quattro ragazze campane che il 19 luglio a Cattolica si contenderanno con le quattro finaliste di ciascuna regione d’Italia il titolo di “Award model look Italia 2009”.

FERMATI LUNGO VIALE CARLO III A SAN NICOLA LA STRADA MENTRE ABBANDONAVANO RIFIUTI ED ARRESTATI

IERI POMERIGGIO, ALLE ORE 1600 CIRCA, IN SAN NICOLA LA STRADA (CE) SUL VIALE CARLO III, I MILITARI DELLA LOCALE STAZIONE AGLI ORDINI DEL LUOGOTENENTE MARINO TRAEVANO IN ARRESTO IN FLAGRANZA DEL REATO DI VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA SUI RIFIUTI:
AUDI GIUSEPPINA, CLASSE 1974, DI LIMATOLA (BN) E HUMAILA FLORIN MARIAN, CLASSE 1986, RUMENO DOMICILIATO IN SAN NICOLA.
NEL MEDESIMO CONTESTO VENIVA DEFERITO IN STATO DI LIBERTA’ UN MINORE DI ANNI 17.
I MILITARI OPERANTI NOTAVANO E BLOCCAVANO I TRE MENTRE SVERSAVANO AI BORDI DELLA STRADA CIRCA 2 QUINTALI DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI (MATERIALE DI RISULTA PROVENIENTE DA DEMOLIZIONE DI FABBRICATI), TRASPORTATI A BORDO DI UN'AUTO DI PROPRIETA’ DELLA DONNA SENZA LA PRESCRITTA AUTORIZZAZIONE. IL MATERIALE PROVENIENIVA DA UN CANTIERE EDILE SITO IN CASERTA ALLA VIA TANUCCI.
SIA IL MATERIALE CHE IL VEICOLO SONO STATI SOTTOPOSTI A SEQUESTRO.
GLI ARRESTATI DOPO LE FORMALITA’ DI RITO VENIVANO MESSI AGLI ARRESTI DOMICILIARI IN ATTESA DI RITO DIRETTISSIMO PREVISTO PER LA MATTINATA DEL 23.06.2009.

RISSA NEL SEGGIO ELETTORALE, TRE ARRESTI. I TRE UOMINI AVEVANO OPINIONI POLITICHE DISCORDANTI, MA SI SONO CONFRONTATI A CAZZOTTI E CALCI

A Gragnano, i carabinieri della locale stazione hanno tratto in arresto per rissa Umberto Amodio, 34 anni, Rosario Amodio, 38 anni, e Angelo Somma, 24 anni, tutti del luogo. All’interno di un seggio elettorale del luogo i tre hanno avuto un diverbio verbale degenerato poi in rissa a causa di opinioni politiche contrarie. I militari dell’Arma in servizio di vigilanza sono subito intervenuti e bloccato i tre uomini. Angelo Somma è stato medicato per escoriazioni al ginocchio ed avambraccio sinistro, trauma contusivo al ginocchio destro ed ematoma alla regione orbitale e zigomatica sinistra guaribile in 5 giorni mentre Umberto Amodio è stato medicato per una lieve contusione al braccio sinistro e lieve escoriazione al braccio destro guaribile in un giorno. Gli arrestati saranno giudicati col rito direttissimo.

AMANTI ASSASSINI, UCCIDONO E SI DISFANO DEL CADAVERE DELL'EX DI LEI, UN ALBANESE. ARRESTATI DAI CARABINIERI DI MONDRAGONE. LUI ITALIANO, LEI UCRAINA

ALLA MEZZANOTTE I CARABINIERI DELLA COMPAGNIA DI MONDRAGONE HANNO ARRESTATO I DUE PRESUNTI RESPONSABILI DELL’OMICIDIO DI UN CITTADINO ALBANESE, IL CUI CADAVERE ERA STATO RITROVATO NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI CASTELVOLTURNO, IL GIORNO DI PASQUETTA (13 APRILE U.S.) OCCULTATO ALL’INTERNO DEL FIUME VOLTURNO, INCAPRETTATO CON CORDE E BLOCCHETTI DI FERRO. GLI INVESTIGATORI SONO RIUSCITI IN PRIMIS AD IDENTIFICARE LA VITTIMA IN OSMANI JETON, ALBANESE CL.1980, E SUCCESSIVAMENTE A RICOSTRUIRE LA DINAMICA DELL’EFFERATO DELITTO. LE INDAGINI CONDOTTE DAI CARABINIERI E COORDINATE DALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI S.MARIA C.V., HANNO PERMESSO, CON NON POCHE DIFFICOLTA’, DI RICONDURRE L’OMICIDIO ALLA PISTA PASSIONALE. IL DELITTO E’ SCATURITO DALLA PREMEDITAZIONE E COOPERAZIONE DI DUE AMANTI, UN ITALIANO ED UNA MERETRICE UCRAINA, CON IL DESIDERIO DI ELIMINARE L’EX COMPAGNO-PROTETTORE DELLA DONNA AL FINE DI NON VEDERE PIU’ OSTACOLATA LA PROPRIA RELAZIONE SENTIMENTALE. I DUE AMANTI C.G., ITALIANO CL.1967, E M.S., UCRAINA CL.1970, SONO ADESSO RINCHIUSI NELLE CASE CIRCONDARIALI DI S.MARIA C.V. E DI POZZUOLI A DISPOSIZIONE DELL’A.G.

lunedì 22 giugno 2009

EDMONDO CIRIELLI VARA LA NUOVA GIUNTA PROVINCIALE DI SALERNO. CI SONO DUE DONNE E DUE TECNICI

L'ente Provincia di Salerno, presidente Edmondo Cirielli, eletto nelle file del Pdl al primo turno, ha una nuova giunta con 12 assessori, tra i quali spiccano due donne e due tecnici. Cirielli ha scelto come vicepresidente una donna, Anna Ferrazzano, moglie del giornalista Andrea Manzi, vice direttore del quotidiano Roma, che non è tra i consiglieri eletti e cui ha dato anche le deleghe delle politiche per il lavoro, i centri per l'impiego e le pari opportunità. Quota rosa anche per il personale, assegnato a Eva Longo, ex sindaco di Pellezzano, anche lei non eletta. I tecnici sono Marcello Feola (lavori pubblici, urbanistica, piano territoriale) e Adriano Bellacosa (patrimonio, contenzioso, affari legali). Nei dodici, anche tre sindaci: Ernesto Sica, ex Margherita, primo cittadino di Pontecagnano, con deleghe ai Trasporti e mobilità; Giovanni Romano, sindaco a Mercato Sanseverino, cui vanno ambiente, infrastrutture, protezione civile e risorsa mare; e Alberico Gambino, sindaco di Pagani, con funzioni di assessore anziano e delega al turismo e spettacolo. Poi ci sono Antonio Iannone (politiche giovanili, sport, formazione scolastica e professionale, diritto allo studio, informagiovani), Antonio Squillante (programmazione finanziaria, bilancio, attività produttive), Giovanni Baldi (politiche sociali e sanitarie, sicurezza alimentare), Nunzio Carpentieri (agricoltura, foreste, incendi, tutela animali), e Flavio Meola (pianificazione ed edilzia scolastica). Il presidente tiene per sè le deleghe alle politiche comunitarie, ai rapporti con le istituzioni, all'università e alla ricerca scientifica, ai piccoli comuni, all'informatizzazione, alla caccia e pesca e alla cultura; quest'ultima però, a breve, andrà al senatore Enzo Fasano, ex assessore regionale campano con quella delega. Le scelte, si legge in una nota, "sono state effettuate tenuto conto delle spiccate capacità professionali e politiche degli assessori" e i sindaci sono stati inseriti proprio per "una lunga e consolidata esperienza amministrativa".

PIRATA DELLA STRADA INVESTE E RIDUCE IN FIN DI VITA UN 18ENNE NELLA ZONA DEL MUSEO

Grave incidente stradale a Napoli dove un pirata della strada, a bordo di un furgone, ha molto probabilmente urtato con violenza uno scooter a bordo del quale c'era un giovane di 18 anni, ora ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale San Giovanni Bosco. E' questa la prima ricostruzione della polizia municipale dell'impatto verificatosi nel primo pomeriggio in via Santa Teresa altezza via Stella. Il 18enne è residente nella zona di Piscinola. Le indagini sono ancora in corso, l'area e' stata circondata per consentire i rilievi del caso. Da una prima ricostruzione il centauro sarebbe stato scaraventato al suolo probabilmente da un furgone che si e' dato poi alla fuga, visto che il motoveicolo al momento dell'arrivo degli agenti era stato rimosso dalla posizione iniziale; non essendoci tracce di frenata sul suolo i vigili al momento non sono in grado di risalire alla direzione di marcia del motoveicolo.

CLAUDIO LOTITO A DE LAURENTIIS: IL NAPOLI VUOLE PANDEV? BENE, TIRI FUORI I SOLDI


"Pagare moneta, vedere cammello...". E' la risposta di Claudio Lotito ad Aurelio De Laurentiis, che in merito al possibile acquisto da parte del Napoli di Goran Pandev aveva detto, parlando della richiesta del presidente della Lazio, che "ca' nisciuno è fesso". "Pandev al Napoli?- afferma Lotito a Radio Kiss Kiss- Se qualcuno vuole una cosa che si può raggiungere, deve fare qualcosa affinche' questo desiderio possa diventare una solida realtà. Sono comunque disposto a parlare di
Pandev con il Napoli perchè con Aurelio De Laurentiis c'è una buona amicizia. Aurelio ha detto che a Napoli nisciun' è fesso? Rispondo con un 'Pagare moneta, vedere cammello'. Al momento, comunque, Goran Pandev non va al Napoli, tantomeno alla Juventus- continua il presidente della Lazio- non ho mai avuto intenzione di mettere Goran sul mercato, ma visto che c'è qualcuno che lo vuole allora bisogna impegnarsi per prenderlo. Il Napoli ha speso una certa cifra per Quagliarella e direi che Pandev, tecnicamente, di sicuro non vale meno del giocatore azzurro. Ho preso Zarate per venti milioni, non vedo perchè De Laurentiis non debba pagare molto per Pandev. Per acquistare Quagliarella, tra l'altro, Aurelio ha messo sul piatto della trattativa con l'Udinese anche qualche contropartita, per cui ritengo sia possibile intavolare un discorso con il Napoli anche dal punto di vista tecnico. Bogliacino? È da vedere, ma tutto deve essere supportato anche dalla volontà del calciatore".

KHALID HUSAYN, UOMO DEL COMMANDO CHE SEQUESTRO' LA ACHILLE LAURO, E' IL TERZO DETENUTO MORTO IN CARCERE IN CAMPANIA IN UN MESE

Khalid Husayn, componente del commando che sequestrò l'Achille Lauro, è il terzo detenuto che muore in un mese in carceri della Campania. E' quanto sostiene l'associazione Antigone Campania -Osservatorio sulle condizioni della detenzione. "L'uomo, 73 anni, era in precarie condizioni di salute da diverso tempo. Khalid Husayn - ha dichiarato Dario Stefano Dell'Aquila, portavoce di Antigone Campania - aveva già scontato in Italia 13 anni di carcere, vissuti duramente nei circuiti dell'Alta Sicurezza. Considerata l'età avanzata e le sue condizioni di salute, sarebbe stata possibile una soluzione diversa a questa che l'ha visto morire lontano da ogni possibile assistenza e in perfetta solitudine. Anche per questo, poco meno di un anno fa, una delegazione parlamentare, da noi accompagnata, era andata a verificare il suo stato detentivo". "In ogni caso - ha proseguito Dell'Aquila - registriamo con preoccupazione il terzo decesso in un solo mese nei penitenziari della Campania. Un segnale preoccupante, anche in vista di un'estate che si annuncia torrida e delle difficoltà del sistema sanitario penitenziario".

IL PATRON DEL NAPOLI DE LAURENTIIS: LAVEZZI? SE DECIDERA' DI ABBANDONARE I SUOI MODI INDIGENI SIAMO PRONTI AD ACCOGLIERLO

"Lavezzi? Lavezzi è in vacanza. Se vorrà chiarire quando tornerà, chiariremo". Lo ha detto il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, a proposito di Ezequiel Lavezzi, in rotta con il club. "Io non sono vendicativo. Se Lavezzi- ha detto De Laurentiis dell'argentino a La politica nel pallone, su Gr Parlamento- deciderà di occidentalizzarsi e di napoletanizzarsi, e questo io non lo intendo certo come un insulto, e abbandonerà le sue modalità "indigene", siamo pronti ad accoglierlo a braccia aperte".

SIR KEN ADAM, PREMIO OSCAR, PRESIEDERA' IL VII ISCHIA FILM FESTIVAL CHE SI TERRA' NELL'INCANTEVOLE SCENARIO ISOLANO DAL 5 ALL'11 LUGLIO

Lo scenografo Ken Adam, premio Oscar per Barry Lyndon e La pazzia di re Giorgio, sarà il presidente del Comitato organizzatore del VII Ischia Film Festival, unico concorso internazionale dedicato alle location cinematografiche che si terrà sull'isola dal 5 all'11 luglio prossimi.
Insignito della cittadinanza onoraria del comune di Ischia, sir Adam è diventato un maestro della scenografia cinematografica internazionale per le ambientazioni visionarie e le grandiose creazioni architettoniche che hanno reso indimenticabili i set dei film di James Bond 007 a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta o un capolavoro della cinematografia mondiale come Il dottor Stranamore, di Stanley Kubrick, di cui fu collaboratore ed amico. "Questo è un mestiere meraviglioso, dove non basta il talento ma ci vuole anche una buona dose di coraggio", ha detto il celebre scenografo che proprio a Ischia ha conosciuto la donna che è poi diventata sua moglie, "devi avere a che fare con persone che hanno un grande ego e con le quali devi essere molto diplomatico. Fin dall'inizio ho sempre cercato di "inventare" la scenografia, ho dovuto costruire una realtà che non esisteva e che il pubblico ha subito accettato. Attraverso il mio lavoro volevo permettere allo spettatore di trovare una via di fuga dal mondo reale, che per me è l'essenza stessa del cinema". Immancabile protagonista dell'Ischia Film Festival sin dalla sua prima edizione, sir Adam ha ribadito l'importanza dell'evento culturale ideato e diretto da Michelangelo Messina. "E' importante che ci sia un festival cinematografico come quello di Ischia dedicato alle location dei film, che dà la giusta visibilità ai luoghi", ha detto. "Prima di girare qui "Il corsaro dell'isola verde", nel 1951, -ha aggiunto Adam, "non conoscevo Ischia. A quell'epoca era molto selvaggia, e me ne sono subito innamorato. Ci sono stato cinque mesi, assieme ai tecnici ed al regista, per realizzare la pellicola. Poi ho incontrato Letizia, una bella ragazza ischitana, figlia di un colonnello, e l'anno dopo ci siamo sposati proprio qui".
L'Ischia Film Festival è organizzato dal comune di Ischia in collaborazione con la regione Campania, all'interno di uno dei sei percorsi tematici previsti nel Viaggio nella Creatività. Il programma completo della manifestazione sarà presentato ai giornalisti il 25 giugno in una conferenza stampa nella sede Anica a Roma.

LA PROCACE BELEN RODRIGUEZ SCARTATA DA CHRISTIAN DE SICA ENTRA NEL CAST PER IL FILM DI MASSIMO CIPOLLINO BOLDI




La bella Belen Rodriguez, scartata dal cast dell'ultimo film di Christian De Sica, è stata subito contattata dall'amico-rivale Massimo Boldi. "Appena ho saputo che non era nel cast di Natale a Beverly Hills, ho0 pensato di cuccarmela io". Massimo Boldi vuole l'avvenente showgirl argentina, che fa coppia fissa da qualche mese con Fabrizio Corona, nel suo film atteso per gennaio 2010. Quasi pronta la sceneggiatura, le riprese inizieranno ad agosto. A chi parla di voglia di rivalsa verso l'ex compagno di produzioni, Boldi risponde: "Chi se ne frega delle scelte di Christian".

MORTO NEL CARCERE DI BENEVENTO UNO DEI COMPONENTI DEL COMMANDO TER RORISTA PALESTINESE CHE SEQUESTRO' LA ACHILLE LAURO

E' morto nel carcere di Benevento uno dei componenti del commando terrorista palestinese che sequestro la nave da crociera Achille Lauro, uccidendo un cittadino americano disabile, di fede ebraica, Leon Klinghofer. Il detenuto aveva 74 anni ed è stato trovato morto nella sua cella all'alba. Le cause del decesso sarebbero naturali.

IL NAPOLI PUNTA SU PANDEV, DI NATALE E KLEBER PER FAR DIMENTICARE UN LAVEZZI SEMPRE PIU' SCIALBO E LONTANO

Chi sostituirà nei cuori dei napoletani un Ezequiel Lavezzi che non ha saputo ricambiare l'affetto di Napoli? Pierpaolo Marino ha già messo a segno un colpo eccezionale con il trasferimento di Fabio Quagliarella. Ora però c'è da affiancare un altro attaccante di peso. Sono in pole position Pandev della Lazio, Kleber dal Cruzeiro e Di Natale dell'Udinese. Quanto a Lavezzi, oramai ai ferri corti con il presidente Aurelio De Laurentiis, il rischio è non tanto un trasferimento a lui sgradito quando un anno difficile tra panchina e tribuna. Dipenderà da lui, e dal modo in cui intende riallacciare il suo rapporto con la società e la città. Certo non è più l'idolo intoccabile di qualche mese fa.

MASSIMO COLETTA, OPERAIO ISCHITANO, UCCISO IN GHANA NEL CORSO DI U NA RAPINA

Indagini in alto mare per scoprire gli assassini di Massimo Coletta, 48 anni, operai specializzato di Casamicciola, da circa 2 anni in Ghana per lavoro, e ucciso ad Accra, capitale dello Stato africano, nel corso di una tragica rapina. Il ministero degli Esteri si è occupato del rimpatrio della salma sull'isola d'Ischia in accordo con i familiari della vittima. Ed ha chiesto al governo del Paese africano di indagare sulla morte di Coletta per scoprire gli assassini.
 

Ultimissime

IL TESORO DEI CASALESI TROVATO DALL’ANTIMAFIA IN TRANSILVANIA

Sono due fratelli. Sono  originari di Aversa, bellissima città che conobbe i suoi fasti in epoca di dominazione normanna. Si chiamano Nìcola...