lunedì 13 novembre 2017

I DOLORI DI DON MATTEO PER LE BANCHE ITALIANE CHE TRUFFANO I RISPARMIATORI

L’ex premier Matteo Renzi, segretario eletto democraticamente dai Dem in regolari congressi ma non si capisce perché poi contestato ogniqualvolta dice qualcosa di sensato, è alle prese con la vergogna italiana delle banche salvate con i nostri denari (parlo dei soldi degli italiani).

È COMINCIATA L'ERA DEL PROCURATORE SUSSURRO: NON PARLA IN TV MA CHIACCHIERA CON I GIORNALISTI DELLA CARTA STAMPATA


Lo Stato oggi a Napoli ha segnato una vittoria nella eterna guerra contro le organizzazioni mafiose: arresti di camorristi imprenditori (clan Mallardo), sequestri di beni per 50 milioni di euro (non bruscolini) che si spera vengano confiscati e poi in qualche modo restituiti alla collettività, interruzione di quel flusso enorme di risorse che venivano depredate al sud e investite nella nera economia legale al Nord. Ecco, davanti a questa vittoria lo Stato che fa? SILENZIO.

LA SANITÀ IN CAMPANIA È IN MANO ALLA CAMORRA E AI COLLETTI BIANCHI

Ripeto e riscrivo cose che pubblico e dico da anni anche nell’esercizio della mia professione. La sanità in Campania é in mano alla camorra. Parte considerevole dei dieci miliardi di euro spesi (buttati, sprecati) per servizi sanitari da quarto mondo (nel cosiddetto terzo mondo se la passano meglio) finisce anche nelle tasche di imprese, aziende non solo in odore di camorra ma quasi pubblicamente intestate in maniera fittizia a prestanome di camorristi. 

Ultimissime

IL TESORO DEI CASALESI TROVATO DALL’ANTIMAFIA IN TRANSILVANIA

Sono due fratelli. Sono  originari di Aversa, bellissima città che conobbe i suoi fasti in epoca di dominazione normanna. Si chiamano Nìcola...