DE LUCA NELLA GIUNGLA REGIONALE DELLA CAMPAGNA STA SCASSANDO TUTTO

Io credo che bisogna infine smetterla di analizzare o documentare certe scorribande neuronali del presidente della Giungla Regionale della Campagna col sorrisino ebete di chi chiosa sempre con l'espressione quasi compiaciuta "è fatto così, un po' sopra le righe ma poi in fondo è un grande amministratore pubblico". In questa frase usata con garbo istituzionale qualche volta anche dall'ex premier Matteo Renzi ci sono due cazzate enormi. De Luca (parliamo di lui, dell'ex sindaco di Salerno) già che l'hanno votato e rappresenta una istituzione importante (la Regione Campania) deve smetterla di sfrennesiare e deve mostrare rispetto per gli altri soggetti istituzionali con cui ha l'obbligo di interloquire. Può anche polemizzare ma non può riferire cazzate che avrebbe detto il questore di Napoli sulla presunta follia del sindaco rivoluzionario De Magistris o delle pessime condizioni in cui questi avrebbe trovato Napoli. Non può farsi pescare in fallo in conversazioni dove usa un linguaggio assurdo quando parla del sindaco di Napoli da "attaccare" "colpire" o altre parole che nulla hanno a che vedere con un decente rapporto istituzionale che entrambi devono intrattenere per il bene di Napoli, città cara a tutti. De Luca non può insolentire o offendere a ripetizione Valeria Ciarambino che, a lui piaccia o no, è la leader del M5S in consiglio regionale. Deve smetterla, non di essere sessista ma di fare il cafone con le donne con cui deve rapportarsi nelle istituzioni. Perché la Ciarambino non è l'unica donna pesantemente offesa da De Luca. Prima di lei c'è stata la presidente dell'Antimafia Rosy Bindi che ha subito lo stesso trattamento. Insomma De Luca cambi registro, rispetti il prossimo (compresi i giornalisti che di tanto in tanto li fregia di complimenti come venduti, delinquenti o camorristi) e faccia il presidente della Regione Campania. L'hanno votato per questo, non per fare il mazziere dall'alto della sua carica.

Commenti

Anonimo ha detto…
Aricolo da Condividere e Sottoscrivere.

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.