ZTL: NAPOLI; CONFESERCENTI NON ADERISCE A SERRATA 10 APRILE DECISIONE DOPO VERTICE CON SINDACO. SCHIAVO, ACCOLTE RICHIESTE

Confesercenti Napoli non aderisce alla serrata indetta da Confcommercio per il 10 aprile. A fissare la posizione dell'associazione, il presidente Vincenzo Schiavo al termine dell'incontro che si e' svolto oggi nella sede del Comune con il sindaco Luigi de Magistris e l'assessore al Commercio Marco Esposito. Il 'no' di Confesercenti alla serrata e', come riferito, ''indissolubilmente'' legato ai provvedimenti che l'Amministrazione comunale adottera' domani in sede di Giunta. ''E' stato un incontro proficuo - ha detto Schiavo - e ritengo che se domani il sindaco, cosi' come ci ha promesso oggi verbalmente, adottera' i provvedimenti che ci sono stati illustrati e che abbiamo chiesto, le nostre imprese non aderiranno alla protesta''. Secondo Schiavo, una serrata ''in un momento gia' difficile per le imprese non aiuta, ma anzi carica le aziende di ulteriori difficolta' ''. All'Amministrazione, Confesercenti ha chiesto ''una revisione complessiva'' della ztl del Mare da effettuarsi ''insieme con le associazioni di categoria'' che preveda l'eliminazione dei varchi in via Acton e piazza Sannazaro, mentre per la ztl del Centro storico una modifica degli orari che consenta il transito delle automobili a partire dalle 18.30. Accanto a cio', la stesura di un Piano industriale del commercio che coinvolga non solo il centro, ma anche le periferie come Napoli est e Napoli ovest. ''Alcune delle decisioni prese dall'amministrazione - ha concluso Schiavo - stanno facendo molto male alla citta' e alla sua economia per cui serve un cambio di rotta, ma bisogna anche dire che la situazione di sofferenza non puo' essere imputabile soltanto alle ztl, dimenticando la congiuntura generale''.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.