CALCIO:NAPOLI;PANDEV-DZEMAILI,VENTO MACEDONE VERSO CHAMPIONS DUE STELLE RITROVATE BLINDANO SECONDO POSTO DEGLI AZZURRI

E' stretta tra Grecia, Albania, Bulgaria e Serbia: si tratta della Macedonia, un pezzetto d'Europa da cui arriva il preziosissimo successo del Napoli sul Genoa. Da li', quando si chiamava ancora Jugoslavia e' partita l'avventura di Goran Pandev e Blerim Dzemaili, i due azzurri che hanno firmato la vittoria per 2-0 e l'allungo sul Milan, ora lontano quattro punti nella corsa, ormai a due, per il secondo posto e la qualificazione diretta alla Champions League. Due gol arrivati dai piedi di campioni che hanno seguito percorsi molto diversi, ma si sono ritrovati proprio nella notte azzurra. Per Pandev la rete di ieri e' la conferma di un momento di forma strepitoso, lo stesso che, a fine stagione scorsa, convinse Mazzarri a chiederne il riscatto dall'Inter. Otto milioni per portare a casa un giocatore di esperienza e classe, che potesse attutire il contraccolpo dell'addio di Lavezzi. Pandev ha risposto a fasi alterne, partendo forte, poi fermandosi, per ritrovare smalto nel momento decisivo della stagione: dopo un lungo digiuno in zona gol, l'ex interista ha ritrovato la rete contro l'Atalanta e ieri ha messo a segno il quarto gol stagionale. Ma al di la' delle reti, e' l'apporto di assist, la capacita' di proteggere la palla e far ripartire veloce l'azione ad aver convinto Mazzarri a puntare forte su di lui in questo finale di stagione. Ed al suo fianco e' rifiorito Blerim Dzemaili. Nato anche lui in Macedonia, ma partito a soli 4 anni per la Svizzera, l'ex centrocampista del Torino sembrava sul punto di lasciare Napoli a gennaio, di farsi sedurre dalle sirene del Wolfsburg: Mazzarri lo convinse a restare, e i frutti si vedono. Congelato in panchina uno spento Inler, Dzemaili ha dato velocita' al centrocampo azzurro e in piu' si e' trasformato in bomber, segnando la tripletta al Torino e la rete di ieri al Genoa. Lo svizzero ha gia' eguagliato il suo record i gol in una stagione con 7 gol, 5 in campionato e 2 in Europa League. Solo nel 2005/06, quand'era allo Zurigo, aveva segnato tanto, con tre gol nel campionato elvetico, tre in Coppa di Svizzera e uno nell'allora Coppa Uefa. Sulle due armi macedoni puntera' ancora Mazzari nella trasferta di Milano. Il tecnico ritrovera' domani la squadra a Castel Volturno per cominciare l'avvicinamento al big match che vale quella Champions League che i due vogliono giocarsi la prossima stagione ancora con la maglia azzurra, nonostante per Dzemaili si stia facendo sotto anche lo Schalke04: ''Mazzarri - ha detto oggi il il loro procuratore Carlo Pallavicino alla trasmissione 'Si gonfia la rete' su Radio Crc - ha sempre creduto in Pandev, lui è molto legato ai napoletani ed era dispiaciuto quando non riusciva ed esprimersi al meglio. Sarebbe una disdetta se Dzemaili e Pandev non restassero a Napoli, perche' in azzurro stanno benissimo''. E ci starebbero ancora meglio con la certezza di sentire ancora l'inno della Champions al San Paolo.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.