SI PREPARAVANO A COMPIERE RAPINA IN BANCA, CINQUE ARRESTI

Tentata rapina e detenzione di arma clandestina sono i reati per cui gli agenti della Squadra mobile della Questura di Chieti hanno arrestato cinque uomini, da qualche tempo tenuti sotto controllo, che si apprestavano a compiere una rapina in un istituto di credito del pescarese, fra Montesilvano e Citta' S.Angelo. Come spiegato dal responsabile della Mobile, Francesco Costantini, in un incontro con i giornalisti, il gruppo aveva compiuto diversi sopralluoghi per mettere a segno la rapina. Il blitz e' scattato dopo che dall'abitazione di uno degli arrestati, a Chieti, si sono mosse, l'una dopo l'altra, una Y10 e uno scooter, poi risultati rubati, oltre ad una Bmw. I tre mezzi sono stati fermati nella zona industriale fra Montesilvano e Citta' S.Angelo, sul lungo Saline. In carcere sono finiti Romano Micconi e suo figlio Luigi, entrambi di origini romane ma domiciliati a Chieti, di 44 e 18 anni; Luigi Altamura (24), originario di Napoli e residente a Pescara; Donato Di Maggio (33), di Policoro ma residente a Chieti, Antonino Gitto (27), di Nardo' ma residente a Bologna. Per la sola tentata rapina sono stati invece denunciati due ventenni teatini. Nell'abitazione di Micconi, a Chieti, e' stato trovato un borsone con una pistola calibro 7.65 di fabbricazione slava, una parrucca, un copricapo, nastro adesivo e delle fascette, oltre a due scanner ed un sacco che gli investigatori ritengono dovesse servire a contenere il bottino. In casa, su un tavolo, anche dei fogli di carta formato A4 con scritto: ''Ci scusiamo per il disagio, assemblea sindacale di Cgil e Cisl''. Per gli investigatori dovevano essere usati durante la rapina, per sviare l'attenzione dei clienti che avrebbero trovato chiuso le porte della banca.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.