RIFIUTI: A NAPOLI PROTESTA ATTIVISTI IN DISCARICA CHIAIANO 'VOGLIAMO RIAPERTURA VERTENZA SU TOMBATURA INVASO E BONIFICA'

Stamattina un gruppo di attivisti della 'Rete Commons' ''ha occupato la discarica di Chiaiano, quartiere della periferia di Napoli, in via Cupa del cane, per chiedere la riapertura della vertenza relativa alla tombatura dell'invaso e alla sua successiva bonifica''. La discarica spiegano gli attivisti ''versa in uno stato di abbandono totale e continua a produrre i suoi miasmi che si diffondono in tutta l'area nord di Napoli''. Il timore dei cittadini e' che ''oltre ad essere lasciata in questo stato, gia' di suo foriero di disagi e pericoli per la salute pubblica, essa possa diventare oggetto di ulteriori sversamenti, stavolta abusivi, che potrebbero riguardare anche rifiuti tossici, o di qualsiasi sorta''. Insieme ai cittadini che protestavano per questi temi, il consigliere comunale Pietro Rinaldi e il consigliere municipale Ivo Poggiani, espressione dei movimenti di difesa del territorio e della stessa Rete Commons. La Rete sta attualmente dando vita alla campagna ''Stop Biocidio'', nel solco della quale si inserisce anche l'iniziativa di stamattina. Tale campagna ha tra le sue richieste principali ''la bonifica dei territori inquinati della regione, ma anche una seria e precisa indagine epidemiologica che possa dimostrare il legame tra l'inquinamento e l'aumento dei tumori sul territorio campano''. Alla fine della mattinata di occupazione, gli attivisti rendono noto di aver ottenuto un incontro con Luigi Rispoli, presidente del Consiglio Provinciale, e con l'avvocato Angelone, amministratore delegato della Sap.Na, societa' che gestisce l'invaso per conto della Provincia. L'incontro si terra' mercoledi' prossimo.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.