ROSARIO CROCETTA, SINDACO ANTIMAFIA DI GELA IERI E PRESIDENTE DELLA SICILIA OGGI

Il nuovo presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, e' nato a Gela (Cl), 61 anni fa. Omosessuale dichiarato, dopo aver conseguito il diploma di perito chimico ha lavorato per l'Eni. Parla 4 lingue: italiano, arabo, inglese e francese. Ha aderito prima al Partito Comunista Italiano e poi a Rifondazione, con cui e' stato assessore alla Cultura del Comune di Gela dal 1996 al 1998. Successivamente si e' iscritto al Partito dei Comunisti Italiani. Assessore comunale alla Pubblica Istruzione dal 2000 al 2001, nel maggio del 2002 si candida a sindaco della sua citta' per l'alleanza di centrosinistra. In un primo momento risulta eletto il candidato del centrodestra con un margine esiguo. Ma dopo un ricorso nel 2003 il Tar fa effettuare un nuovo spoglio nel quale risultano 307 voti di vantaggio a suo favore. Si definisce "Sindaco antimafia", tra le sue iniziative lo svolgimento di gare per l'appalto delle opere pubbliche alla presenza dei Carabinieri ed il licenziamento di impiegati comunali vicini alla mafia. Al termine dei cinque anni di mandato, nel 2007 si ricandida a primo cittadino e viene confermato. Vince con il 64% dei consensi. Nel 2008 ha aderito al Partito Democratico. Nel 2009 e' stato eletto europarlamentare.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.