CONTRABBANDO DI SIGARETTE SULL'ASSE NAPOLI-UCRAINA, SEI ARRESTI

La Polizia di Trieste ha concluso l'operazione ''Voyager'' eseguendo sei misure cautelari e numerose perquisizioni emesse dalla DDA del capoluogo giuliano. Arrestati i vertici di un' associazione per delinquere transfrontaliera finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, gestito dalla malavita ucraina in accordo con la camorra. Tre importanti componenti sono stati arrestati oggi a Napoli con la ''contabile'' del gruppo, una donna di 68 anni; altri 3 cittadini ucraini sono cercati in Italia e all'estero per l'esecuzione dell'arresto. Le indagini, durate un anno e mezzo, sono cominciate dopo alcuni arresti di corrieri ucraini effettuati dalla Polizia di Frontiera di Trieste, che consentivano di ricostruire rotta e destinazione dei tabacchi di contrabbando. Le indagini, coordinate dal pm Pietro Montrone della DDA, sono state condotte da Squadra Mobile di Trieste che, con la Polizia di Frontiera, ha arrestato 15 corrieri sul confine italo-sloveno di Fernetti (Trieste), 4 a Napoli e 2 a Bergamo, in collaborazione con le locali Squadre Mobili. Nel corso delle indagini, coordinate dallo Sco, sono stati anche sequestrati 8 quintali di tabacchi di contrabbando e decine di autovetture.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.