SCIOPERO DEI TIR, DENUNCE PER AUMENTI INGIUSTIFICATI DI PREZZI DI FRUTTA E VERDURA

Aumentano i prezzi di frutta e verdura fresche, a Napoli, in attesa dei rifornimenti dopo il blocco dei tir dei giorni scorsi. Nei supermercati e nei negozi di alimentari, gia' dall'altro ieri, i banchi di questi prodotti sono vuoti e, nei mercatini o presso i rivenditori al dettaglio che ancora ne hanno, i prezzi sono aumentati anche se non di molto. Le melanzane, ortaggi che non sono di stagione, ad esempio, hanno un costo, in questo periodo dell'anno, che varia tra i 2 e i 2,20 euro, ma in alcuni casi si arriva a 3 euro al chilo. Lo stesso vale per arance e mandarini che vengono venduti anche a 2 euro a fronte di un prezzo che di solito si aggira su 1,40 euro al chilo. ''Oggi gli scaffali di questi prodotti nei supermercati e negli sono sostanzialmente vuoti - spiegano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il responsabile campano Federconsumatori Rosario Stornaiuolo - Molti esercenti hanno comunicato che da domani sono previsti di nuovo i rifornimenti. Se cosi' fosse, pero', la situazione potrebbe tornare alla normalita' all'inizio della prossima settimana''. Nei centri Conad, fanno sapere, ''sono previsti a partire da domani i rifornimenti'', ma restano, sottolineano, ''le ripercussioni economiche''. Per i Verdi, l'unico effetto ''positivo'' che deriva dal blocco dei tir e' ''una diminuzione notevole di traffico tra Napoli e provincia e l'aria piu' respirabile''.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.