RIFIUTI, I DIPENDENTI DELL'EX IMPIANTO CDR PROTESTANO. GLI HANNO TOLTO 30 EURO DAL SALARIO

Seconda giornata di protesta per i lavoratori dell'ex impianto Cdr della zona Asi di Giugliano in Campania (Napoli). Anche oggi, infatti, alcuni operai sono saliti sui tetti dell'impianto e minacciano di lanciarsi nel vuoto. La protesta dei 68 lavoratori è motivata dalla richiesta di ripristino delle condizioni economiche garantite negli anni scorsi oggi venute a mancare: gli operai lamentano una decurtazione dei salari che va dai 300 ai 400 euro mensili. Sul posto i vigili del fuoco che hanno steso un tendone per contenere eventuali gesti estremi.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.