FINTI CARABINIERI MA VERI LADRI RUBAVANO A CASA DI POVERI CRISTI NAPOLETANI ARRESTATI DA VERI POLIZIOTTI







Ladri travestiti da guardie. Succede anche questo a Napoli. Che una banda riusciva ad intrufolarsi nelle abitazioni delle vittime indossando divise da carabinieri. Una mossa astuta per farsi aprire le porte di casa… Entrare, esibendo un falso mandato di perquisizione, poi fare razzia di gioielli o denaro contante e andare via. L’ultima impresa della banda a casa di un gioielliere del Vomero, quartiere bene di Napoli. Dopo aver lasciata la casa, il povero gioielliere si è accorto che dai cassetti rovistati dai furfanti mancavano orologi, rubini, denaro contante e altri oggetti di valore… Ma è stata solo una delle tante imprese… almeno questo è quello che pensa il capo della Mobile della questura di Napoli che lancia un appello …
Per ora solo tre componenti della banda sono stati arrestati… un quarto è latitante. Uno di loro lo è stato davvero carabinieri ma dall’arma fu espulso due anni fa per indegnità… Nelle case degli arrestati, durante le perquisizioni eseguite questa volta da veri poliziotti, sono state trovate tessere contraffatte della Guardia di Finanza, placche dei carabinieri e pistole giocattolo simili alle armi in dotazione alle forze dell’ordine. I nomi degli arrestati: Francesco Cangiano, 43 anni, Pasquale Di Palma, 53 anni, e Leonardo Sportiello, 37 anni.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.