QUASI UN INTERO PALAZZO ALLACCIATO ABUSIVAMENTE ALLA RETE ELETTRICA NAZIONALE, 11 ARRESTI A NOLA PER TRUFFA AI DANNI DELL'ENEL

Un black out improvviso ha colpito nella tarda serata di ieri un'ampia zona di Nola (Napoli). I carabinieri della locale compagnia hanno scoperto che a provocare l'ammanco di corrente erano state alcune persone che avevano eseguito degli allacci abusivi sovraccaricando una cabina dell'Enel, provocando quindi un black out di una vasta zona della citta'. I militari hanno arrestato 11 persone che avevano provocato il sovraccarico con degli allacciamento abusivi.
L'accusa e' di furto aggravato di energia elettrica. Nove degli undici arrestati sono cittadini provenienti da Ucraina, Polonia e Romania. Gli altri due sono italiani. Giuseppe Manganiello, 62 anni, proprietario dell'edificio dove avvenivano i furti di energia elettrica oltre all'arresto per furto e' stato anche denunciato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina avendo a titolo oneroso ed allo scopo di trarre profitto ceduto in locazione piu' abitazioni a stranieri privi di permesso di soggiorno. Per non fare registrare il consumo di energia dai contatori elettrici dell'Enel installati nel condominio dove avvenivano i furti, gli arrestati si erano allacciati abusivamente alla rete elettrica nazionale tramite cavi che collegavano ogni appartamento. Il danno subito dall'enel sarebbe di 50 mila euro. Gli undici arrestati verranno giudicati con il rito direttissimo.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.