PROCESSO GEA WORLD RINVIATO AL 9 GIUGNO. COLPA DELLA MANCATA NOTIFICA DEGLI ATTI A MOGGI, CHE E' TRA I PRINCIPALI IMPUTATI

Subito rinviato a giugno il processo d'appello per il caso Gea, la società di intermediazione e rappresentanza di sportivi, che fino allo scoppio di 'Calciopoli', ha gestito le procure di numerosi giocatori e allenatori di serie A e B. Stamane, davanti ai giudici di seconda istanza, è stato constatato che non erano state effettuate alcune notifiche, tra cui quella al principale imputato, Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus. Stessa mancanza è stata rilevata nei confronti del difensore di Franco Ceravolo, l'ex responsabile del settore giovanile della squadra bianconera. Per questo l'udienza è stata aggiornata al 9 giugno. Moggi, in primo grado, è stato condannato ad un anno e sei mesi di reclusione perché ritenuto colpevole del reato di violenza privata in relazione alle trattative che hanno riguardato i calciatori Emanuele Blasi e Nicola Amoruso. Il figlio Alessandro, invece, ha avuto un anno e due mesi, sempre per violenza privata.
Nel processo di prime cure, è caduta l'accusa più grave, quella di associazione a delinquere e sono stati assolti, oltre allo stesso Ceravolo, anche Davide Lippi, figlio dell'allenatore della nazionale e Franco Zavaglia, noto agente di calciatori.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.