NAPOLI, EVASIONE FISCALE RECORD DA 250 MILIONI DI EURO SCOPERTA DALLA FINANZA. DENUNCIATE 82 PERSONE

La Guardia di Finanza del Comando provinciale di Napoli diretta dal generale Giovanni Mainolfi ha scoperto un'evasione fiscale da 250 mln di euro. Complessivamente sono state denunciate alla Procura di Napoli, che ha coordinato l'inchiesta, 82 persone, responsabili a vario titolo, dei reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, omessa presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell'Iva, occultamento delle scritture contabili, falso, corruzione e simulazione di reato. Le Fiamme Gialle avrebbero svelato "un articolato sistema di frode ai danni dell'erario, grazie al quale le imprese coinvolte, utilizzando fatture per operazioni oggettivamente inesistenti -spiega la Guardia di Finanza- emesse da societa' cartiere compiacenti, risultate prive di qualsivoglia struttura patrimoniale ed organizzativa e formalmente rappresentata da prestanome, creavano il presupposto materiale e giuridico per dedurre indebitamente costi ed Iva, per un giro d'affari stimato intorno ai 250 mln di euro". Gli investigatori hanno scoperto che gli amministratori delle societa' cartiere erano in realta' tra loro collegati e tutti facenti capo allo stesso commercialista, un professionista dell'area vesuviana di 45 anni, di cui non e' stata resa nota l'identita'.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.