LA PROCURA INDAGA SU UNA PRESUNTA CENTRALE DI SPIONAGGIO PER COMPIERE INVESTIGAZIONI ILLECITE NELLA DIA DI NAPOLI

All'interno della Direzione investigativa di Napoli (Dia) c'era una centrale di spionaggio, composta da alcuni agenti che acquisivano notizie riservate e svolgevano attività di investigazioni illecite per conto di privati. E' l'ipotesi degli inquirenti della procura di Napoli che oggi hanno disposto una serie di perquisizioni. L'indagine - alla quale sta partecipando la stessa Dia su delega dei magistrati - è scaturita da una "tranche" dell'inchiesta sulla gestione di appalti a Napoli nel corso della quale nei mesi scorsi fu arrestato un sostituto commissario della Dia di Napoli che avrebbe "copiato" alcuni file riservati sulla vicenda appalti da un computer della Dia partenopea.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.