IL NAPOLI PRESENTA IL CAMPIONE DEL LIVERPOOL DOSSENA. DE LAURENTIIS FREDDA TUTTI: LA CHAMPIONS? RESTIAMO COI PIEDI PER TERRA

"Napoli sogna la Champions? Bisogna capire che non siamo a una corrida ma in un contesto di logicità industriale. L'evoluzione del calcio Napoli è anche culturale". Cosi' il presidente del Napoli Aurelio de Laurentiis nel corso della conferenza stampa di presentazione del neo acquisto Dossena, parla degli obiettivi della sua squadra. "Ci vuole la cultura del saper vincere, saper pareggiare e in caso anche di saper perdere - continua -. Non si può ogni volta creare a uso e consumo dei tifosi o dei media una specie di classifica delle positività e delle negatività, oggi si è in cielo e domani all'inferno. Non è corretto oggi sparare sulla Juve, sul suo allenatore e suoi suoi dirigenti. Bisogna guardare le cose in maniera obiettiva. Il Napoli non sta facendo il campionato da solo, bisogna anche saper aspettare come si rafforzeranno le altre squadre concorrenti. Per molte la prima parte è stata come un banco di prova. Non ho mai visto come quest'anno tanta agitazione sul mercato riparatorio. Avevo sempre sentito che a gennaio si compra male. Bisogna essere sereni e non pensare al domani ma al dopodomani. A livello di investimenti dobbiamo pensare a una crescita continua. Il mio migliore acquisto è Walter Mazzarri, lo avrei voluto fare due anni prima e avrei risparmiato. Sono contento di averlo preso senza ascoltare nessuno, stampa compresa, che mi metteva in testa altri nomi prima di Mazzarri. Mi piacciono le sue qualita' personali e il suo impegno professionale". De Laurentiis parla anche della Coppa Italia che vedra' il Napoli mercoledi' affrontare la Juve. "La Coppa Italia? Ci tengo perche' ogni volta e' una misura per il valore della squadra, non tanto per la competizione. Anche se giochiamo l'amichevole del Trofeo Birra Moretti piace vincere. Quando si scende in campo per fare una
scampagnata e' sempre sbagliato". De Laurentiis parla di Lavezzi, che ieri si è infortunato ma esclude interventi sul mercato nel settore. "Auguro a Lavezzi di recuperare al più presto, spero possa tornare ad allenarsi per bene tra tre settimane e di riaverlo in campo tra 4 settimane. Mi dispiace molto averlo perso in questo momento ma meglio ora piuttosto che ad aprile-maggio, anche perche' auspico per lui un mondiale in Sudafrica. Hoffer? E' un ragazzo che mi sta simpaticissimo, di grandissima educazione, quando è entrato ha anche segnato. Me lo hanno chiesto in molti ma prima di darlo verifichiamo un attimo. Darlo per prenderne un altro mi sembra assurdo. Lui è già qui da qualche mese, ora conosce qualche parola in italiano, il gioco del Napoli e l'allenatore. Noi siamo una squadra che segna 8 gol con Hamsik, che va a segno con Bogliacino e con gli altri centrocampisti. Non mi preoccuperei quindi della mancanza di un attaccante puro, anche perchè il lavoro di Lavezzi è sul piano della qualità e della quantità, ma per quanto riguarda i gol ci sono altri. Rimpiangeremo la mancanza del "Pocho" ma la squadra ha
dimostrato di saper vincere anche senza di lui. Cigarini? Lotito non deve dire che lo vuole in prestito, faccia un offerta e io gli risponderei che l'ho comprato perchè ci credo, ed è un ragazzo giovane e pulito".

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.