FINTI CIECHI E FALSI PAZZI A NAPOLI, LA GRANDE TRUFFA SVELATA DAI CARABINIERI SI ESTENDE IN TUTTA LA CITTA'. GIA' 5OO DENUNCE

Più che un dubbio c’è quasi la certezza che l’esercito dei finti ciechi e dei falsi pazzi che percepiscono la pensione a Napoli non sia un business che coinvolge solo il quartiere di Chiaia ma una truffa ben congegnata che si estende in tutta la città e la provincia…. Ai carabinieri tocca comprendere quanto sia esteso questo meccanismo truffaldino che sta dissanguando le casse dell’Inps. A loro spetta il compito di smantellare la rete criminale che lo governa. Perché una cosa è certa… a reggere le fila della fabbrica dei finti ciechi e pazzi ci sono criminali senza scrupoli che falsificano documenti, corrompono anche funzionari pubblici per poter organizzare il colossale imbroglio non solo delle pensioni di invalidità fasulle ma anche gli assegni di accompagnamento e i contrassegni per invalidi…quelli che consentono il parcheggio gratis ovunque in città… E Napoli anche un posto auto per strada è diventato oramai un business… L’altro aspetto che i carabinieri stanno valutando, dopo aver scoperto e denunciato già oltre 500 persone che percepivano indebitamente la pensione, è se nella grande truffa sono coinvolti medici delle Asl che istruiscono le pratiche di pensione e altri dipendenti pubblici coinvolti nell’istruzione delle pratiche di invalidità e nei controlli…

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.