martedì 26 maggio 2009

ROM UCCISO A COLTELLATE NELLA STAZIONE DELLA CUMANA, IN VIA MONTESANTO. UN 14ENNE CENTRATO DA UN PROIETTILE ALLA SPALLA A POCHI METRI DI DISTANZA

Un cittadino rom ucciso con due coltellate all’interno della stazione ferroviaria della Cumana di piazza Montesanto, nel cuore del centro antico di Napoli. E un ragazzino rimasto ferito, per fortuna in maniera non grave ad una spalla, da un colpo di pistola, sempre nella stazione, a non più di 20 metri di distanza dal luogo in cui è stato trovato ucciso il rom… Sono i due inquietanti episodi verificatisi poche ore fa e su cui indaga la polizia, che dovrà in primo luogo cercare di capire se i due fatti di sangue sono da mettere in relazione tra loro e poi… comprendere chi ha sparato al ragazzino e chi invece ha inferto le coltellate mortali al rom. Quel che è certo è che il 14enne è fuori pericolo e sarà dimesso nei prossimi giorni con una frattura, mentre indizi per capire chi ha ucciso il rom verranno sicuramente dall’interrogatorio di questa ragazza, anche lei Rom, che conosceva la vittima ed ha assistito al suo omicidio.

2 commenti:

Nazarin ha detto...

Pare che anche il Rom sia vittima innocente del conflitto al fuoco (infatti è stato raggiunto da un colpo di pistola, e non da una coltellata).
Uff...

Anonimo ha detto...

Vero quel che dice Nazarin, mi trovavo nei pressi dell'accaduto quel giorno, è stato raggiunto da un proiettile di pistola alla testa durante il conflitto a fuoco ed è morto ovviamente sul colpo...atroce!
Pare che un Rom debba sempre averci delle colpe anche quando è vittima...