martedì 27 gennaio 2009

SALERNO, SEQUESTRO DI BENI E MISURA DI SORVEGIANZA SPECIALE PER UN UOMO GIA' CONDANNATO PER SPACCIO DI DROGA

A seguito di una specifica attività investigativa condotta da personale della sezione misure di prevenzione della Divisione Anticrimine della Questura, diretta dal dr. Raffaele Battista, che già aveva consentito un ingente sequestro di beni patrimoniali nel mese di gennaio 2008, su richiesta del P.M. dr. Antonio Centore, la seconda sezione Penale del Tribunale di Salerno ha emesso, nei giorni scorsi, il decreto per l’irrogazione della Sorveglianza Speciale della P.S. nei confronti di Gerardo Schembari, nato a Salerno, di anni 30, attualmente detenuto.
Inoltre, è stata definitivamente confiscata, al detenuto, l’attività commerciale “Genial’ S Car”, rivendita di auto usate, già sottoposta a sequestro patrimoniale il 30 gennaio 2008, ubicata in Via Calata San Vito a Salerno, compresi quarantaquattro veicoli, tra auto e moto di grossa cilindrata dall’ingente valore commerciale (porche boxter, mercedes, bmw, nissan mod. terrano, wolkswagen golf, yamaha modello royal star, ecc.) ed i relativi conti correnti bancari.
Al termine del periodo di detenzione, infine, lo Schembari dovrà sottoporsi agli obblighi della suddetta misura di prevenzione, con obbligo di soggiorno per 5 anni nel Comune di Salerno.
Il provvedimento preso nei confronti di Gerardo Schembari, già condannato per il reato di spaccio dal Tribunale di Salerno, nel mese di luglio 2007, alla pena di un anno e quattro mesi di reclusione, è conseguente ai numerosi ed univoci elementi specifici accertati dai Poliziotti della Divisione Anticrimine nel corso di oltre un anno di indagini, che hanno dimostrato come il suddetto può essere ricondotto alla categoria di persone che vivono abitualmente con i proventi di attività delittuose.
Gli elementi investigativi raccolti (fonti conoscitive, fonti collaborative) hanno delineato, infatti, l’attualità della pericolosità sociale dello Schembari, presupposto del sequestro di prevenzione patrimoniale effettuato, il quale ha operato nel settore del traffico e dello smercio di sostanze stupefacenti ponendosi in posizione di strettissima contiguità con esponenti del crimine organizzato, con condotte che risultano espressive del concetto di appartenenza richiesto dalla suddetta normativa in materia di misure di prevenzione per l’irrogazione di misure personali e patrimoniali.

Nessun commento: