martedì 28 ottobre 2008

CONTRABBANDO DI OLI MINERALI, IN CELLA 14 IMPRENDITORI CHE AVREBBERO FRODATO IL FISCO PER DECINE DI MILIONI DI EURO. SEQUESTRATI BENI PER 20 MILIONI

Importavano oli minerali senza pagare le accise. Con l’accusa di aver truffato al Fisco decine di milioni di euro sono stati arrestati quattordici petrolieri tra Campania, Lazio, Toscana, Lombardia e Veneto. Ad eseguire l’operazione la guardia di finanza nell’ambito di un’inchiesta della procura di Nocera Inferiore, nel Salernitano. Nel corso dell’operazione, denominata “oil on trucks” i magistrati hanno anche disposto il sequestro di beni (abitazioni, capannoni industriali, autobotti e auto di lusso) per un valore di oltre 20 milioni di euro. Sono state effettuate anche perquisizioni nelle case e nelle abitazioni degli indagati ed effettuati 130 sequestri preventivi di società, appartamenti, terreni, autovetture, automezzi, conti correnti, polizze assicurative e quote societarie, ritenuti provento del reato commesso. La magistratura, in questo caso, conta di recuperare quanto sottratto al fisco in termini di mancato pagamento delle accise ed altre tasse su oli minerali.

Nessun commento: