sabato 26 luglio 2008

PRODUTTORI DI HOLLYWOOD PRONTI A GIRARE IN CAMPANIA UN COLOSSAL SULLA VITA DI FRANCESCO FORGIONE, IL FRATE DELLE STIMMATE DIVENTATO SANTO


Si concretizza il progetto di un film statunitense, girato nelle aree interne della Campania, sulla vita di San Pio. A confermare le voci che circolano da alcune settimane è la parlamentare Nunzia De Girolamo (Pdl), dando notizia di un incontro a Roma del ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi con Bill Erfurth e Ron Stone, rispettivamente produttore esecutivo e regista della "Modern City Entertainment", società Usa di produzioni cinematografiche che ha intenzione di girare nelle province di Benevento ed Avellino un kolossal cinematografico dedicato alla vita del "frate delle stimmate". "Ringrazio la sensibilità e disponibilità del ministro Bondi - continua De Girolamo - che ha concesso il patrocinio al progetto cinematografico delegando la Regione Campania a seguire da vicino l'iniziativa. Il mio interessamento alla realizzazione del film in Campania rientra nella volontà del governo Berlusconi di rilanciare l'immagine e l'economia della regione e del Paese. Sono certa che lo stesso presidente Bassolino trovi valida tale iniziativa che rappresenta la dimostrazione di come il mondo hollywoodiano stia guardando con interesse alle bellezze paesaggistiche della nostra regione che può vantare dei set naturali".
De Girolamo ha quindi convocato a Benevento i rappresentanti dei Comuni di Pietrelcina, Morcone, Apice (provincia di Benevento), Gesualdo, Frigento, Villamaina e Sturno (provincia di Avellino), individuati come set cinematografici, i quali - spiega la parlamentare - si sono detti entusiasti della iniziativa. Al termine della riunione i rappresentanti dei sette Comuni, insieme alla parlamentare De Girolamo, hanno deciso di chiedere un incontro a breve con il presidente Bassolino al fine di ottenere "anche da parte della Regione Campania il sostegno alla realizzazione del progetto cinematografico che porterà nelle aree interne della Campania un investimento statunitense di oltre dieci milioni di dollari".

Nessun commento: