venerdì 27 giugno 2008

DISASTRO RIFIUTI, LA LOMBARDIA DA' FINALMENTE UNA MANO. BERLUSCONI ORDINA A FORMIGONI DI SMALTIRE 6MILA TONNELLATE DI MONNEZZA NAPOLETANA


La Regione Lombardia smaltirà 5-6 mila tonnellate di rifiuti della Campania. La richiesta del governo è stata accolta dalla giunta regionale che, secondo quanto ha detto il presidente Roberto Formigoni, ha preso atto di alcune situazioni nuove in Campania.

"Ci è stata chiesta - ha esordito Formigoni - solidarietò per la Campania. La posizione della Lombardia è sempre stata coerente e lo è anche oggi. In Campania è cambiato qualche cosa e noi ne prendiamo atto". Il presidente della Lombardia ha quindi spiegato che il no ai rifiuti campani era stato dato perchè gli stessi non potevano essere accolti negli impianti lombardi: "Avevamo sempre messo come condizioni il problema sanitario e ambientale. Prendiamo atto che in Campania ci sono fatti nuovi e che è stata avviata un'attività che consente di accogliere questi rifiuti". In particolare Formigoni ha spiegato che il governo ha garantito la ripartenza dei lavori per il termovalorizzatore di Acerra e l'inizio di quelli per la discarica di Chiaiano: "Di fronte a queste novità e all'impegno del sottosegretario Bertolaso noi siamo pronti ad un atto di solidarietà". Formigoni ha precisato che i rifiuti non dovrebbero superare le 5-6 mila tonnellate che potranno essere smaltite nell'arco di una quindicina di giorni e che saranno trasportate in Lombardia da 250 camion. Formigoni ha quindi spiegato che sarà la conferenza stato-regioni, con ogni probabilità la prossima settimana, a dare il via all'operazione.

Nessun commento: