CLAN SANTAPAOLA, BENI PER 12 MILIONI DI EURO CONFISCATI ALLA FAMIGLIA D'EMANUELE DI CATANIA

Il Tribunale di Catania ha disposto la confisca di un patrimonio costituito da società, immobili ed autoveicoli, per un valore di circa dodici milioni di Euro.
I beni confiscati sono ritenuti riconducibili a soggetti appartenenti, attraverso la famiglia D'EMANUELE, al ramo di Cosa Nostra catanese facente capo al clan SANTAPAOLA.
La confisca è stata disposta a seguito di proposte avanzate dal Direttore della D.I.A. nei confronti di appartenenti alla famiglia D'EMANUELE.
I precedenti sequestri patrimoniali, prodromici all'attuale confisca, erano stati operati dalla stessa D.I.A. nell'aprile del 2011 e nel febbraio del 2012.
Il sequestro patrimoniale avveniva a seguito degli arresti già operati dalla stessa D.I.A. nel maggio 2010, con l'operazione "CHERUBINO" in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Catania su richiesta della locale D.D.A..
Gli arresti avevano consentito di neutralizzare l'operatività e le attività criminali poste in essere da componenti della famiglia D'EMANUELE il cui capostipite Natale, "uomo d'onore", già colpito dall'ordinanza unitamente ai figli Antonino ed Andrea, è considerato reggente del "gruppo di Castello Ursino" per il clan SANTAPAOLA.
Le indagini patrimoniali espletate dalla D.I.A. avevano rilevato che gli stessi avevano investito ingenti capitali in attività operanti nel settore delle scommesse, delle pompe funebri, del settore ittico e immobiliare, nonché nella ristrutturazione di un prestigioso stabilimento balneare, intestando a soggetti compiacenti tali attività.
In particolare è emerso che i D'EMANUELE stavano diversificando i loro investimenti interessandosi al settore ittico, apportando capitali in una Società in difficoltà economica denominata "Blanco Pesca Srl", utilizzati per l'acquisto di 2 motopescherecci.
Inoltre, dagli accertamenti economico-patrimoniali eseguiti sono emersi gli investimenti confluiti nella ristrutturazione di un prestigioso stabilimento balneare, denominato "Lido Romina" ed ubicato alla Playa di Catania che - sequestrato al D'EMANUELE Natale nel 1994, a seguito di Misura di Prevenzione Patrimoniale e dissequestrato nel 2002 - è stato fittiziamente ceduto a soggetti compiacenti, che ne hanno modificato la denominazione in "SOBHA". Con l'apporto economico finanziato dai D'EMANUELE lo stabilimento, elegantemente ristrutturato, è diventato punto di riferimento per la movida estiva catanese.
Sono state altresì individuate 5 società; di cui una immobiliare la " Edil Immobiliare Srl", una seconda, la "Blanco Pesca S.r.L" per l'attività di commercio, trasformazione e lavorazione di prodotti ittici, un'agenzia di scommesse e 3 società di "servizi di pompe funebri", riconducibili sempre ai D'EMANUELE.
Le investigazioni di carattere patrimoniale hanno evidenziato palesi profili sperequativi tra i redditi dichiarati ed il patrimonio posseduto, tali da fondare la presunzione, accolta dal Tribunale di Catania, di un'illecita acquisizione patrimoniale derivante dalle attività delittuose connesse all'organico e prolungato inserimento degli indagati nell'ambito del clan mafioso SANTAPAOLA.
Gli accertamenti patrimoniali eseguiti dalla D.I.A. sono la conclusione di un modulo operativo d'intervento integrato, che coniuga l'attività di polizia giudiziaria con le indagini patrimoniali, che costituiscono il vero valore aggiunto di tutte le operazioni di polizia giudiziaria eseguite nei confronti di organizzazioni mafiose.
L'odierna attività di sequestro della Direzione Investigativa Antimafia di Catania ha consentito di colpire al cuore l'organizzazione mafiosa proprio laddove essa è più sensibile: nell'arricchimento economico realizzato con il reimpiego di capitali di illecita provenienza, affiancato all'illecita concorrenza nel mercato, il vero "core business" della mafia.
In particolare, sono stati confiscati nei confronti di D'EMANUELE Natale, la moglie Di MAURO e dei loro figli Antonino e Andrea i seguenti beni:
- 4 immobili;
- 1 prestigioso stabilimento balneare;
- 3 società di servizi di pompe funebri;
- 1 società immobiliare;
- 1 impresa operante nel settore ittico;
- 1 autolavaggio;
- 1 punto scommesse;
- diversi automezzi;
- rapporti finanziari.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.