CHEN KEGUI ACCUSATO DI AGGRESSIONE VOLONTARIA DALLE AUTORITA' DI PECHINO, RISCHIA UNA CONDANNA SEVERA

Chen Kegui, il nipote dell' attivista cinese Chen Guangcheng, esule negli Usa dopo la sua fuga dagli arresti domiciliari, e' stato formalmente accusato di ''aggressione volontaria'' e rischia ''una condanna severa''. Lo ha afferma lo stesso Chen Guangcheng in un comunicato diffuso oggi. L' attivista ricorda che agli avvocati scelti dalla famiglia e' stato impedito di contattare Chen Kegui, che e' detenuto dallo scorso aprile e che potrebbe essere stato torturato. Dopo la fuga di Chen Guangcheng dal suo villaggio nella provincia dello Shandong, un gruppo di agenti in borghese si reco' a casa del nipote, minacciando i genitori e senza identificarsi come poliziotti. Chen Kegui li attacco' con un coltello, cacciandoli dalla casa e ferendone due. In seguito, Chen Guangcheng si rifugio' nell' ambasciata degli Usa a Pechino e fu autorizzato ad espatriare. Secondo il comunicato dell' attivista ''data la delicatezza del caso (di Chen Kegui) , il locale ufficio del Partito Comunista ha gia' sicuramente deciso quale sara' la sentenza, dopo aver ottenuto il consenso dei dirigenti provinciali e, probabilmente, nazionali''.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.