RIFIUTI IN CAMPANIA, CORSA CONTRO IL TEMPO PER EVITARE UNA MULTA COLOSSALE DELL'UNIONE EUROPEA

La decisione di ricorrere al provvedimento d'urgenza nasce dai tempi stretti imposti dall'Europa a cui l'Italia dovra' fornire una risposta convincente, entro il 15 gennaio, al fine di scongiurare la multa conseguente alla procedura di infrazione. Nel dossier che verrà presentato all'Ue lunedi' e a cui seguira' il 25 gennaio l'incontro tra il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini e il commissario europeo, Janez Potočnik sono contenuti alcuni punti cardine che il governo spera possano essere determinanti. Saranno indicati i tempi di attuazione del piano regionale della Campania in corso di approvazione che prevede tra l'altro la realizzazione di un termovalorizzatore per lo smaltimento di 6 milioni di tonnellate di eco balle, sia il crono programma per la realizzazione di nuove discariche comprensoriali specie per la provincia di Napoli. Verra' inoltre dato conto dei progressi fatti sul fronte della riduzione dei rifiuti e dell'aumento della differenziata.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.