OMICIDIO MONTO' E STANCHI, C'E' UN TESTE CHE LI HA VISTI POCHE ORE PRIMA CHE FOSSERO SEQUESTRATI E BRUCIATI . ERANO AMICI DI VIP DELLO SPETTACOLO

Raffaele Stanchi e Luigi Montò sono stati sequestrati mentre erano nella loro auto, costretti a salire sulla Fiat Punto degli assassini che forse li hanno portati in un luogo appartato, li hanno forse sentiti, interrogati, quindi uccisi e poi lasciati nella vettura date alle fiamme di fronte al cimitero di Melito. Potrebbe essere questa la ricostruzione del duplice omicidio di Melito. ANche se manca ancora la prova regina che quei corpi siano di Stanchi e Montò, parliamo dell'esame del Dna. In ogni caso i carabinieri hanno un testimone che avrebbe visto le vittime in via Nuova San Rocco, dove è stata trovata la Smart, anch’essa carbonizzata, dove Stanchi e Montò erano fermi a discutere. Per ora c'è solo la moglie di Montò che ha riconosciuto una catenina d’oro che il marito portava. Raffaele Stanchi, oltre ad essere vicino ad Antonio Pica, ora collaboratore di giustizia, ma prima capo di una delle piazze di droga del rione Monterosa a Scampia, era un ballerino e spesso le sue esibizioni erano trasmesse sulle televisioni locali. Si è anche accertato che Stanchi, proprio per questa sua passione, aveva legami con alcuni vip di Napoli. Chi fossero questi vip e quali legami avessero con i narcos degli scissionisti fa parte dell'inchiesta che i carabinieri stanno svolgendo.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.