STADIO SAN PAOLO LUOGO DI SPACCIO DELLA COCAINA E DI CAMORRA. LO DICE "IL MATTINO" CITANDO ATTI DI INDAGINE E IL PENTITO EMILIANO ZAPATA MISSO

Non solo molotov e petardi proibiti ma anche droga. Cocaina. Il luogo dello spaccio è lo stadio San Paolo, ovviamente il supermarket della droga è aperto solo prima e durante le partite di calcio. La polverina bianca spiegherebbe anche la incredibile carica di violenza che certi presunti tifosi mostrano allo stadio in certe occasioni. Emerge dagli atti dell’inchiesta che l’altro giorno ha portato in cella 4 ultrà napoletani accusati di violenze, lesioni e devastazioni non solo al San Paolo ma anche in altri stadi d’Italia.
Che lo Stadio San Paolo sia una centrale della cocaina è una semplice ipotesi di indagine che finisce sui quotidiani napoletani… Una tesi d’indagine che trova origine anche nelle dichiarazioni di un pentito di camorra, Emiliano Zapata Misso, che in numerosi verbali di interrogatorio descrive il tifo organizzato più violento come bande organizzate infiltrate dalla camorra… Insomma al San Paolo si riprodurrebbero esattamente le stesse dinamiche camorristiche della città… e a questo punto anche il business della vendita della cocaina…Ma gli investigatori, per ora, a parte le dichiarazioni del pentito e qualche intercettazione telefonica altro non hanno

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.