CARCERI: DA MARTEDI' RACCOLTA FIRME PER GIUSTIZIA E DIRITTI LEGGI INIZIATIVA POPOLARE,REATO TORTURA E NUMERO CHIUSO IN CELLA

Nelle piazze dei tribunali di molte citta' italiane da martedi' 9 aprile sara' possibile firmare i tre disegni di legge di iniziativa popolare ''per la giustizia e i diritti in carcere''. Lo ricordano le associazioni che sostengono le leggi per l'introduzione del reato di tortura, per la revisione della legge sulla droga e perche' in cella non entri un detenuto in piu' dei posti regolamentari. "Ci appelliamo ai cittadini, agli operatori della giustizia, ai parlamentari perché firmino le tre proposte. Sarebbe un bel segnale se martedì prossimo anche esponenti delle forze politiche si recassero davanti ai tribunali a sottoscrivere le nostre proposte tutte nel segno della giustizia, della democrazia, dei diritti umani", scrivono le organizzazioni promotrici, tra cui Antigone, Arci, Associazione Federico Aldrovandi, Associazione nazionale giuristi democratici, Associazione Saman, Cgil, Cgil - Fp, Coordinamento dei Garanti dei diritti dei detenuti, Gruppo Abele, Unione Camere penali italiane. ''Le proposte - secondo le associazioni - costituiscono un vero e proprio programma di governo per ripristinare la legalità nel nostro sistema penale e penitenziario''. La prima vuole introdurre il delitto di tortura nel codice penale, la seconda cambiare la legge Fini-Giovanardi sulle droghe, depenalizzazione il consumo e ridurre l'impatto penale, la terza ripristinare la legalità nelle carceri affollate. Queste le citta' in cui si potranno firmare le proposte di legge: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catanzaro, Chieti, Ferrara, Firenze, Genova, Lecce, Livorno, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pisa, Potenza, Roma, Taranto, Tivoli, Torino, Trento, Trieste, Udine, Urbino, Velletri, Venezia.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.