COSENTINO IN CARCERE A SECONDIGLIANO, I SUOI LEGALI ACCUSANO: ARRESTO ILLEGALE

Nicola Cosentino si e' costituiti nel carcere di Secondigliano. Sul suo capo pendevano due ordini di custodia cautelare con le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Per i magistrati di Napoli e' il referente nazionale del clan dei Casalesi. I suoi legali, Agostino De Caro e Stefano Montone, si tratta di un arresto illegale. Cosentino ha accettato il carcere, ha espresso la sua intenzione di difendersi come ha sinora fatto in aula di giustizia, ribadito fiducia nell'ordine giudiziario e chiesto rispetto per la sua famiglia che sta sopportando un dolore tanto grande. Nei prossimi giorni il Riesame affrontera' la richiesta di scarcerazione gia' inoltrata dai legali di Cosentino.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.