TIBET: 75/MA IMMOLAZIONE DAL 2009, GIOVANE DONNA SI DA FUOCO

Settantacinquesima immolazione per il Tibet da febbraio 2009. Secondo organizzazioni che si battono per i diritti dei tibetani, una giovane donna madre di due bambini, contadina e tassista, si e' immolata ieri, morendo sul colpo nel luogo che ha visto il maggior numero di immolazioni dall'inizio del mese. Chagmo Kyi, 27 anni, intorno alle 16 si e' auto immolata nella piazza Dolma, dinanzi al monastero di Rongwo, nella contea di Rebgong (Tongren in cinese) nella provincia occidentale del Qinghai. La donna si e' data fuoco ed e' morta mentre gridava slogan per il Tibet libero dai cinesi e per il ritorno del Dalai Lama. Quella di ieri e' l'ottava immolazione a Rebgong, su 13 che sono avvenute dal primo novembre. La maggior parte delle immolazioni sono avvenute alla vigilia e durante il diciottesimo congresso del Partito comunista, chiuso mercoledi', che ha nominato i vertici che guideranno paese e partito per i prossimi dieci anni. A seguito di queste immolazioni, sono moltissimi i militari e paramilitari cinesi che sono stati dispiegati nella zona e gli stessi hanno bloccato vie d'accesso e le telecomunicazioni, bloccando internet e i cellulari nell'area.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.