QUIRINALE: NUOVO STOP A VOTO ANTICIPATO, NON CI SONO CONDIZIONI

Alla fine e' arrivato lo stop. Giorgio Napolitano fa sapere che non ci sono ne' le condizioni, ne' i motivi per andare al voto anticipato. E pensare che, anche stamattina, Pier Ferdinando Casini era tornato ad insistere proprio su quest'ipotesi. Ma, niente da fare. Il Colle non vede "plausibile" uno scenario del genere. "Non si coglie il senso del parlare a vuoto di elezioni anticipate -si ragiona in ambienti del Quirinale- non essendone presentate le condizioni e non emergendo motivazioni plausibili". E' netto il richiamo del capo dello Stato, mentre vanno avanti i 'contorcimenti' su alleanze e dintorni tra le forze politiche. E Casini si fa notare in questo senso. Ieri ha aperto a una possibile intesa con un Pdl 'Berlusconi-free'. Solo Angelino Alfano, fuori il Cavaliere. Oggi in un'intervista a Repubblica, il leader centrista apre al Pd purche' molli Sel al suo destino. Un centrosinistra 'de-vendolizzato' o non se ne fa nulla, dice Casini. Uno stop and go che si ripete da settimane, ma la novita' di oggi e' che sulla questione alleanze e' intervenuto anche Matteo Renzi che sul tema si e' sempre tenuto piuttosto defilato dietro la bandiera di un generico "io mi alleo con i cittadini che mi votano". Un concetto che ha ripetuto anche oggi, ma il sindaco di Firenze stavolta ha detto qualche parola piu' precisa e, nello specifico, sull'alleanza Pd-Udc modello Sicilia: "Fa storia a se'", ha sottolineato, "non e' lo schema di accordo nazionale". Mentre Renzi parla di alleanze con i cittadini, anche al quartier generale di Pier Luigi Bersani si fanno i conti con quello che sta accadendo tra gli elettori: il massiccio astensionismo siciliano unito al successo di Beppe Grillo, non vengono sottovalutati. E tornano a circolare indiscrezioni sulla possibilita' di mettere in campo liste civiche rappresentative del territorio e della societa' civile da affiancare alla coalizione di centrosinistra. Potrebbe essere un modo per frenare l'astensionismo. Intanto, il caos in cui sta deflagrando l'Idv potrebbe agevolare la nascita di quella lista dei sindaci di cui si e' parlato spesso anche nei mesi scorsi. I due primi cittadini piu' rappresentativi dell'Italia dei Valori, Luigi De Magistris e Leoluca Orlando, stanno prendendo le distanze da Antonio Di Pietro. E il sindaco di Napoli non esclude di presentare annuncia che "entro Natale ci saranno nome e simbolo" della lista Arancione, quella degli amministratori appunto. Oggi e' stata un'altra giornata di tensione nell'Idv. Alcuni parlamentari 'fedeli' a Di Pietro hanno chiesto la 'testa' del capogruppo Massimo Donadi. Mentre il leader si difende dalle accuse in un lungo post sul suo blog. O meglio una lettera al comico Maurizio Crozza, 'reo' di aver fatto ironie sul presidente Idv. E' in atto, dice, un "killeraggio mediatico" e "se persino una persona come te contribuisce a divulgare, in perfetta buona fede, le bugie che sono state dette in questi giorni, e' segno che la campagna di disinformazione e calunnia ha raggiunto davvero livelli molto allarmanti".

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.