MALORE MORRICONE, INTERROMPE E POI CONCLUDE CONCER STAFF: CALO PRESSIONE. MAESTRO CONCEDE ANCHE TRE BIS: OVAZIONE

Un malore improvviso ha costretto ieri sera Ennio Morricone a interrompere il concerto in programma al Mandela Forum di Firenze. Dopo circa mezz'ora, e la visita di un medico, il maestro e' pero' tornato sul palco e non solo ha ripreso a dirigere l'orchestra Roma Sinfonietta e il Coro lirico sinfonico di Verona, concludendo tutto per intero il programma della serata. Ha concesso pure tre bis, tra l'ovazione del pubblico. Per lo staff di Morricone il maestro ha avuto un calo di pressione, nulla di grave. E complice forse un po' di stanchezza Morricone, che sabato prossimo compira' 84 anni, ha preferito lasciare la pedana e si è portato verso un lato del palco per poi, accompagnato da altre persone, dirigersi all'interno della struttura. Quindi la visita del medico, nell'infermeria del Mandela Forum. Con calma si é ripreso e poi si e' presentato nuovamente al pubblico e ha ripreso il concerto, tra gli applausi che si sono ripetuti fino all'ovazione finale. Dopo aver chiuso il programma del concerto con la colonna sonora di Mission, acclamato dal pubblico oltre che dall'orchestra e dal coro, chiaramente ripresosi dal malore avuto, è tornato nuovamente in pedana per concedere ben tre bis. Il maestro ha poi lasciato in auto il Mandela forum. Quella di Firenze e' una tappa del tour Ten, 10 anni di concerti dell'autore di tante famose colonne sonore dal 28 settembre 2002, data del concerto all'Arena di Verona dove, si legge nel sito di Morricone, ha avuto inizio una nuova vita artistica per il maestro: fu la sua prima esperienza live da direttore delle proprie musiche. E proprio all'Arena di Verona lo scorso 15 settembre Morricone e' tornato a esibirsi con Ten, dopo il concerto-esclusiva per Udine l'8 settembre. Prossima tappa invece Torino (8 novembre) poi Milano, proprio il giorno del compleanno di Morricone e ancora Roma, Bologna e infine Padova l'1 dicembre.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.