VERTICE MINISTRI FINANZE ZONA EURO, L'ITALIA VERSO IL SI ALLA TOBIN TAX

I ministri delle finanze della zona dell'euro hanno siglato a Lussemburgo l'ultimo atto formale per il lancio del fondo salva stati Esm, il paracadute contro la crisi del debito e gli attacchi della speculazione che sara' in grado di dispensare aiuti fino a 200 miliardi entro la fine di ottobre sui 500 miliardi di euro di dotazione. L'Eurogruppo ha anche spianato la strada ad una cooperazione rafforzata per la Tobin tax europea, che sara' lanciata domani da almeno nove paesi. Secondo fonti Ue, anche l'Italia ha sciolto la sua riserva. ''L'avvio dell'Esm e' una buona notizia per l'Europa, una tappa storica nella costruzione dell'Unione monetaria'', ha dichiarato soddisfatto il presidente dell'Eurogruppo Jean Claude Juncker. ''E' una tappa fondamentale per la costruzione di un'unione monetaria piu' solida'', ha rincarato il ministro dell'economia Vittorio Grilli. Meno convinti i mercati (le borse hanno chiuso in calo), mentre le agenzie di rating lo promuovono: Fitch ha assegnato all'Esm la tripla A con outlook stabile e la concorrente Moody's ha confermato la tripla A, anche se con outlook negativo. Moody's ha anche tagliato il rating di Cipro a 'B3' da 'Ba3'. Nel momento in cui il parafuoco della zona dell'euro diventa operativo, sembra allontanarsi la prospettiva di una richiesta di aiuti da parte della Spagna, che solo pochi giorni fa era data per imminente, mentre l'Italia conferma di non avere bisogno di programmi di assistenza. ''Il governo ritiene che l'Italia abbia fatti ottimi progressi e mantiene la valutazione secondo la quale una richiesta di aiuti non e' necessaria'', ha detto Grilli. L'ipotesi di aiuti si avvicina pero' per Cipro (''saremo pronti per l'Eurogruppo del 12 novembre'', hanno rilevato fonti cipriote) e per la Slovenia. La situazione di maggior incertezza resta la Grecia. Dall'Eurogruppo e' partito un ultimatum: il governo di Atene ha dieci giorni di tempo, fino al 18 ottobre ''al piu' tardi'' per dimostrare la sua determinazione a fare le riforme in cambio dei prestiti internazionali. Secondo la troika Ue-Bce-Fmi, la Grecia ''ha fatto progressi sostanziali'', ha riferito Juncker, che ha chiesto un'accelerazione delle discussioni in corso con Atene. ''C'e' ancora del lavoro da fare'', ha dichiarato la direttrice del Fmi, Christine Lagarde. Il team di esperti del Fondo restera' ad Atene per tutta la prossima settimana e altre due squadre sono pronte a partire per la Spagna e per Cipro. Ad animare la discussione tra i ministri delle finanze e' stata l'introduzione a livello europeo della Tobin tax, la tassa sulle transazioni finanziarie che Francia e Germania vogliono fare partire in Europa con lo strumento della cooperazione rafforzata. La procedura consente ad almeno nove paesi di andare avanti anche quando tutti gli altri sono contrari. ''L'Italia sciogliera' la sua riserva solo all'Ecofin di domani'', ha detto Grilli nel pomeriggio, rilevando la necessita' di un confronto con il premier ''perche' - ha spiegato - questa e' una decisione assolutamente politica, di indirizzo del paese: non e' soltanto una decisione a livello di ministri dell'economia''. In tarda serata, fonti Ue hanno riferito che l'Italia avrebbe sciolto le riserve. Se le indiscrezioni saranno confermate domattina, il si' italiano portera' a 9 il numero dei paesi favorevoli alla cooperazione rafforzata. La lettera di Francia e Germania e' stata firmata finora da Austria, Portogallo, Slovenia, Belgio e Grecia, mentre l'Estonia ha dichiarato il proprio sostegno, ma prima di firmare deve attendere che il parlamento si pronunci.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.