PROCESSO MAZZETTE INCASSATE AL COMUNE DI NAPOLI, PARLA IL TESTIMONE SALVATORE COTUGNO DELLA SOCIETA' FIRE CONTROL

"Nel Comune di Napoli io ero di casa, conoscevo tutti e molti mi chiedevano consigli. Conoscevo assessori, funzionari, dirigenti". Ha esordito cosi' Salvatore Cotugno, amministratore della 'Fire Control', testimone nel corso di un processo dove sono imputati dirigenti, funzionari e alcuni uomini politici con incarichi in passato nell'amministrazione municipale partenoepa e nella Regione Campania. L'inchiesta e' quella che il 13 febbraio del 2008 ha portato in carcere e agli arresti domiciliari funzionari e dirigenti dell'Asl Napoli per una serie di tangenti incassate nel corso degli anni per favorire "imprenditori amici" tra i quali Salvatore Cotugno, che questa mattina ha deciso deporre in aula dopo aver reso ampie dichiarazioni gia' in fase di indagine. L'interrogatorio e' stato condotto dal pubblico ministero Giancarlo Novelli che ha seguito le indagini sin dalle prime battute. Cotugno ha raccontato di come riusciva a vincere le gare per la fornitura di stampanti e di estintori. "Quando la mia azienda faceva le consegne, gli enti che ricevano dovevano firmare un modello detto 143. Questa documentazione gli enti avrebbero dovuto gia' possederla, ma spesso non era cosi' e per questo li preparavamo noi. A volte lo modificavamo per favorire la nostra azienda, sempre in termini di fatturazione. I modelli li portavamo noi e li facevamo firmare noi", racconta. Poi la domanda diretta del pubblico ministero: ha mai dato soldi a funzionari o politici? "Si' - e' la risposta - ad Antonio Pecce, funzionario del Comune. Un giorno venne da me e mi chiese aiuto perche' aveva dei debiti di gioco da pagare. Io gli diedi circa 5mila euro". Secondo la procura, quei soldi erano in cambio dell'omissione di qualsiasi verifica sulle congruita' delle fatture presentate all'ente. "Ho dato dei soldi anche a Luca Esposito, ex assessore alla Polizia municipale del Comune di Napoli e mio amico di lunga data. Ho versato dei soldi in occasione delle campagne elettorali". Luca Esposito invece secondo la Procura avrebbe intascato soldi proprio per favorire Cotugno nell'aggiudicazione di appalti, e per questo e' stato rinviato a giudizio per il reato di corruzione. Infine la questione sui bandi di gara. "Come faceva a vincerli?", ha chiesto il pm. "Suggerivo io i requisiti da inserire. C'era uno dei funzionari che mi diceva tutto, anche i nomi dei concorrenti che partecipavano alle gare. Vincevo sempre", la risposta dell'imprenditore.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.