LIBIA: UCCISO AL CAIRO SOSPETTO ATTENTATORE CONSOLATO USA A BENGASI


E' stato ucciso al Cairo, in seguito a uno sconto a fuoco con la sicurezza egiziana, un uomo sospettato di essere coinvolto nell'attentato sferrato l'11 settembre scorso contro il consolato
americano a Bengasi, in Libia. Nell'attentato furono uccisi l'ambasciatore americano Chris Stevens e altri tre diplomatici. Lo riferiscono fonti ufficiali egiziane, precisando che lo scontro a fuoco tra il sospettato e le forze di sicurezza egiziane e' avvenuto nel sobborgo di Madinet Nasr, al Cairo. Della vittima e' stato diffuso solo il nome, Hazem. Stando a fonti ufficiali egiziane, il sospetto e' stato identificato ieri mattina in un appartamento di Madinet Nasr. Una volta scoperto, l'uomo ha lanciato una bomba contro le forze di sicurezza. Ne e' seguito uno scontro a fuoco, per diverse ore. Il corpo dell'uomo e' stato trovato bruciato, con a fianco armi e materiali esplosivi. La zona e' stata isolata dalla polizia, che ha anche dovuto mettere in salvo alcuni abitanti del palazzo attraverso scale di emergenza, come riporta il quotidiano al-Ahram. Secondo quanto riferisce la Bbc, il sospetto stava forse cercando di fuggire nella Penisola del Sinai, diventata una roccaforte per i miliziani nella regione.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.