FABIO CANNAVARO TESTE IN AULA IL 23 OTTOBRE NEL PROCESSO PER RICICLAGGIO ALLA CAMORRA

L'ex capitano della nazionale di calcio Fabio Cannavaro sarà in tribunale a Napoli il prossimo 23 ottobre per deporre al processo su riciclaggio e ristorazione in cui sono imputati, tra gli altri, l'imprenditore Marco Iorio, amico del calciatore, e l'ex capo della squadra mobile Vittorio Pisani. Gli altri due giocatori già sentiti nel corso delle indagini preliminari come persone informate dei fatti, Ezequiel Lavezzi e Mario Balotelli, hanno a loro volta ricevuto la citazione, rispettivamente nella sede della società Paris Saint Germain e a Coverciano, dove in questi giorni Balotelli si trova in ritiro con la nazionale. I pm Sergio Amato ed Enrica Parascandolo hanno fornito loro tre date tra le quali i due potranno scegliere per presentarsi a deporre: il 16 ottobre, il 23 ottobre ed il 6 novembre. Questa mattina, intanto, udienza all'insegna della tensione. Movimentata, in particolare, la deposizione del teste Mario Crisci, tipografo che aveva avuto in prestito 250.000 euro dal defunto Mario Potenza (l'ex contrabbandiere ed usuraio che, secondo l'accusa, aveva investito assieme ai propri figli nei ristoranti di Marco Iorio). Crisci ha ritrattato le dichiarazioni fatte durante l'inchiesta agli investigatori della Dia. I pm hanno chiesto la trasmissione degli atti alla procura per calunnia e falsa testimonianza nonché l'utilizzo dell'intercettazione in cui Mario Potenza, parlando con il proprio difensore, lo informa che ''è tutto a posto perché Crisci ritratterà''.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.