CHRISTIAN MAGGIO ESALTA IL SUO NAPOLI E AVVERTE LA JUVE: DAREMO IL MASSIMO A TORINO MA NON CREDO SIA UNA SFIDA DECISIVA PER LO SCUDETTO, IL CAMPIONATO E' ANCORA LUNGO


"Il Napoli è cresciuto, con la Juve sara' una partita difficile ma cercheremo di giocare nel modo  migliore per ottenere il massimo". Christian Maggio parla cosi' del  big match con i bianconeri in programma dopo la sosta delle nazionali. In azzurro, l'esterno del Napoli ha incontrato tanti juventini. 
"Che clima c'e'? Nessuna tensione, solo qualche battuta ma  niente di particolare. Noi del Napoli stiamo passando un bellissimo  periodo anche nei risultati, a Torino sara' una partita difficile ma  la affronteremo nel modo giusto. Di certo, non sara' una partita  decisiva per lo scudetto", e' il parere di Maggio. "Mancano ancora  tantissime partite, il campionato e' ancora lungo: sara' importante ma non decisiva".
      L'anno scorso a Torino fini' 3-0 per i bianconeri. "A giudicare  da queste prime partite direi che da allora sicuramente siamo  cresciuti ancora di piu'. Sono arrivati giocatori ancor piu' di  qualita', la rosa e' aumentata e come dice il mister tutti sono  titolari e se la possono giocare fino alla fine. La differenza  rispetto all'anno scorso e' che siamo piu' squadra, siamo cresciuti  tutti insieme e ora siamo piu' compatti". 

 A chi domanda se la sosta penalizzi piu' il Napoli o la Juve, Maggio risponde: "Ho parlato stamattina con Giaccherini,  loro hanno 15 nazionali e noi 13 in giro per il mondo, e' una bella  lotta sotto questo punto di vista. Io so che Mazzarri lavora tutti i  giorni per migliorarci e avere giocatori in giro per il mondo non gli  fa piacere in vista di una gara importante come quella di Torino.  Comunque giochiamo assieme da un bel po' e quindi alla fine penso che  riusciremo a preparare bene la gara, non penso sia un grande  problema".
      Maggio parla anche della sfida che attende la nazionale contro  l'Armenia: "Ci stiamo allenando bene tutti quanti, siamo pronti per  questa partita sapendo che sara' combattuta e difficile. Abbiamo  acnora tutto domani per studiare gli avversari, ma ho parlato con  Hamsik che ci ha giocato contro l'anno scorso e mi ha detto che  corrono molto anche se non hanno giocatori di grandissima qualita',  dovremo stare attenti".
      Il giocatore del Napoli non si sottrae alle domande sul  calcioscommesse e alle ultime notizie che tirano in ballo Andrea  Ranocchia, suo compagno di nazionale: "Andrea lo vedo tranquillo, non  ha grandissimi problemi, e' ancora presto per certe valutazioni.  Personalmente evito di guardare a queste cose che non mi riguardano,  sono cose brutte e sono convinto che Andrea sia estraneo a tutto: e'  un bravo ragazzo e un grande professionista, non penso faccia queste  cose".


Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.