CALCIOPOLI: CHIESTI 4 ANNI A GIRAUDO, PER PG PROMOTORE FRODE

Quattro anni di reclusione, uno in più della pena inflitta in primo grado, e 30mila euro di multa per Antonio Giraudo, ex amministratore delegato della Juventus. E' la richiesta di
condanna al processo di appello di Calciopoli formulata oggi in aula al termine della requisitoria dal sostituto procuratore generale Carmine Esposito. Per il pg Giraudo non è un semplice partecipe della associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva, bensi' uno dei promotori. Il processo riprendera' venerdi' prossimo.
 Esposito ha chiesto inoltre 3 anni per l'ex arbitro Tiziano Pieri (2 anni e 4 mesi la condanna in primo grado), mentre ha chiesto la conferma delle condanne a 2 anni per l'ex presidente dell'Aia Tullio Lanese e l'ex arbitro Paolo Dondarini. Il pg ha chiesto altresi' la condanna per gli imputati che erano stati assolti in primo grado: 2 per l'ex assistente Duccio Baglioni, un anno e 4 mesi per l'arbitro Gianluca Rocchi, un anno e 6 mesi per l'ex arbitro Stefano Cassara', un anno e 4 mesi per l'ex assistente Giuseppe Foschetti, un anno e 6 mesi per l'ex arbitro Marco Gabriele, un anno e 4 mesi per l'ex assistente Alessandro Griselli, un anno e 4 mesi per l'ex arbitro Domenico Messina. La sentenza e' prevista per l'11 novembre.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.