CALCIO: NAPOLI PREPARA PARTITA COPPA MA PENSA AL CHIEVO


Il Napoli, con la testa al Chievo, che affrontera' domenica sera al San Paolo nel posticipo con la speranza di riprendere il cammino in campionato bruscamente interrotto allo Juventus Stadium, si appresta ad intraprendere l'avventura in Ucraina dove giovedi' sera, a Dnipropetrovsk giochera' la terza ed ultima partita del girone d'andata di Europa League. Maggio e Campagnaro, tra i piu' stanchi ed in debito di ossigeno del gruppo, non sono stati neppure convocati, Cavani invece affrontera' lo sfibrante viaggio, ma e' destinato inizialmente a sedersi in panchina, in attesa degli eventi. Walter Mazzarri non cambia idea e contro il Dnipro Dnipropetrovsk schierera' le seconde linee. Gli unici 'titolarissimi' dei quali si prevede l'impiego dal primo minuto di gioco, sono Cannavaro o Gamberini sul lato destro della difesa e Behrami a centrocampo. Hamsik rimane anch'egli a Napoli. Deve infatti scontare la seconda giornata di squalifica per il fallo di reazione ingenuamente commesso in occasione dell'esordio europeo al San Paolo contro l'AIK Solna. Ma non e' detto che, qualora fosse stato disponibile, Mazzarri lo avrebbe portato in giro per l'Europa.
   Il Napoli sulle rive del Dnipro non avra' neppure il conforto e l'appoggio dei suoi tifosi, tanto ostica e disagevole si presenta la trasferta in Ucraina. La societa', nel tentativo di facilitare il compito dei propri sostenitori, aveva cercato di individuare un tour operator che fosse disponibile ad organizzare un volo charter, ma non c'e' stato nulla da fare. Di sicuro non sarebbe stato un affare e, dunque, nessuno se l'e' sentita. E cosi' i 162 biglietti - al prezzo di 5 euro - per il settore ospiti dell'Arena Dnipro, acquistati online con una ventata di sano ottimismo dai tifosi partenopei, rimarranno come ricordo quasi tutti nelle tasche di chi se li e' procurati. Per arrivare a Dnipropetrovsk, infatti, i tifosi del Napoli dovrebbero raggiungere Kiev con voli di linea e poi sobbarcarsi un ulteriore viaggio, in treno o in automobile, di ben 475 chilometri per sbarcare, infine, nella terza citta' Ucraina, sulle rive del fiume Dnipro e a 300 chilometri dal Mare di Azov. Un'avventura alla quale difficilmente si presteranno i pur coraggiosi tifosi azzurri.
  Oggi la squadra si e' allenata nel pomeriggio a Castel Volturno: solita partitella e lavoro di preparazione tattica che Mazzarri ha riservato ai suoi giocatori. Domani mattina trasferimento all'aeroporto di Capodichino e partenza con volo charter per Dnipropetrovsk. Sull'aereo della squadra prendera' posto anche un esiguo numero di tifosi, i pochi che riusciranno a seguire il Napoli in questa trasferta quasi impossibile.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.