NAUFRAGIO COSTA, PARTE L'OPERAZIONE RECUPERO CARBURANTE A BORDO DELLA CONCORDIA

Si e' conclusa la prima fase dell'operazione 'Bunker' da parte della societa' olandese Smit Salvage incaricata da Costa Crociere di liberare il relitto della Costa Concordia dalle 2.400 tonnellate di IFO380 contenuta nelle 23 casse carburante della nave. La prima fase dell'operazione e' consistita nel posizionare panne assorbenti d'altura in tre cerchi concentrici che chiudono la nave in una barriera in grado di evitare la migrazione di macchie d'idrocarburi. In attesa che arrivi la nave cisterna che accogliera' il carburante, si stanno completando i dettagli della seconda fase quando i sub collegheranno alle casse le bocchette d'aspirazione e contribuzione acqua dallo scafo. Massima attenzione sara' dedicata alle casse vicine alla sala macchina, piu' difficili da raggiungere.
Pronto il pool di navi antinquinamento che assisteranno alle operazioni: da Castalia a nave Orione, la nave della marina militare che ospitera' a bordo uno speciale macchinario in grado di separare l'idrocarburo dall'acqua in tempo reale.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.