NAUFRAGIO CONCORDIA, ARRESTATO IL COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO E RINCHIUSO NEL CARCERE DI GROSSETO. ANCORA DISPERSI. POLEMICHE SUI SOCCORSI

Un boato e poi il buio. Le urla dei bambini indifesi e le note del pianista che continua a suonare, prima di buttarsi in mare preso dal panico. ''E' stato un incubo, sembrava di essere sul Titanic. Abbiamo veramente creduto di morire'', racconta chi e' sopravvissuto. Sono le 21.40 di venerdi' quando la Costa Concordia si schianta contro uno scoglio a 300 metri dall'isola del Giglio per poi piegarsi paurosamente su un fianco: naufragio in piena regola. E allora potra' pure chiamarsi 'Profumo di Agrumi' e ci si potra' pure augurare che sia una crociera musicale come il nome che le e' stato dato. Ma non si potra' dimenticare la legge del mare: non si naviga sottocosta, specie di notte. Tre morti e una ventina di feriti e' il bilancio molto provvisorio. Perche' ci sono ancora 39 persone tra ospiti ed equipaggio che mancano all'appello: ufficialmente sono dispersi. Due passeggeri asiatici intrappolati in una cabina sono stati individuati e salvati ieri sera dai pompieri. Gli altri dispersi si spera siano sfuggiti ai conteggi ufficiali - che per tutto il giorno hanno ballato paurosamente -, si teme siano in fondo al mare, intrappolati nei ponti sommersi della nave che non sono stati ancora raggiunti dai soccorritori. I sommozzatori dei vigili del fuoco non sono scesi: troppo grande e' il rischio che la nave scivoli giu' sul fondale, finendo per inabissarsi completamente. Le ricerche - almeno nei ponti non completamente sommersi - andranno avanti per tutta la notte e domani, probabilmente, si tentera' di scendere fin laggiu'. Era partita mercoledi' da Cagliari e ieri aveva fatto tappa a Civitavecchia, la Concordia, 1.500 cabine per ospitare fino a 3.800 persone con un unico obiettivo per i turisti: divertirsi e dimenticare il grigio della vita quotidiana. A bordo, ieri sera, c'erano 3.216 passeggeri e 1.013 membri di equipaggio. 4.229 persone di 62 nazionalita', una babele di lingue e religioni. La meta era Savona, terza tappa di un viaggio di otto giorni nel Mediterraneo, che d'inverno costa meno, ma e' bello e caldo comunque quando vieni dal Kazakistan o dalla Polonia. Poi sarebbe toccato a Marsiglia, Barcellona e Palma de Maiorca. E poi di nuovo in Italia. La corsa folle tra il blu del mare, e oggi anche del cielo, si e' interrotta su un gruppo di scogli a 300 metri da Giglio Porto. ''Abbiamo sentito un boato, saranno state le 21.30, ci siamo affacciati e abbiamo visto delle scintille lungo la fiancata della nave. Abbiamo subito capito che aveva urtato contro 'le Scole', dicono gli abitanti dell'isola che, in una gara di solidarieta' che riempie il cuore, hanno aperto le loro case e offerto ai naufraghi tutto cio' che avevano. L'urto e' stato violentissimo: la Concordia ha letteralmente strappato uno scoglio del diametro di cinque metri, che si e' conficcato nella carena di sinistra, aprendo uno squarcio di 70 metri. Un altro squarcio e' su un altro punto della nave. Dopo l'impatto, il comandante ha proseguito la corsa per almeno altri 700 metri, per poi gettare l'ancora. Una manovra che ha consentito alla nave di girarsi e di avvicinarsi ulteriormente alla costa. Se non fosse stata fatta, probabilmente, la tragedia avrebbe assunto dimensioni da apocalisse. Immediati sono scattati i soccorsi, ma sulla nave qualcosa non ha funzionato. ''L'equipaggio ci ha assistito - hanno detto molti dei passeggeri una volta sbarcati - ma quanto ad organizzazione, zero. Nessuno sapeva cosa fare. E in molti ci hanno raccontato che il comandante era ben consapevole del pericolo, ma ha atteso un'ora e mezza per dare l'ordine di abbandonare la nave''. ''Le procedure sono state rispettate e l'evacuazione si e' svolta nei tempi previsti'', controbatte la compagnia. Fatto sta che per almeno un'ora sulla Concordia c'e' stato il panico vero. Urla, almeno un centinaio di persone che si sono lanciate in mare e sono state miracolosamente ripescate, giubbotti salvagente strappati di mano in mano e bambini tenuti in alto per sottrarli alla furia di una folla in preda alla follia. Alla fine quasi tutti sono arrivati a riva: tranne due francesi e un peruviano, i cui cadaveri sono stati recuperati dalle centinaia di soccorritori di tutti i corpi dello Stato. Due inchieste sono state aperte per capire come e perche' la nave si trovasse li': vuole saperlo il ministero delle Infrastrutture, e, soprattutto, vuole saperlo la procura di Grosseto, che indaga per disastro, omicidio e naufragio colposi e ha disposto il fermo del comandante della Concordia Francesco Schettino anche per l'abbandono della Costa Concordia. Assieme a lui e' indagato anche l'ufficiale di plancia. Una prima risposta potra' arrivare dalle scatole nere, ma e' gia' chiaro a tutti che la nave si trovava dove non doveva essere. Ora bisogna stabilire il perche'. Sull'isola la risposta gia' ce l'hanno, anche se la dicono a mezza bocca: il comandante, come tutti i comandanti delle navi di crociera, non ha fatto altro che ripetere una ''prassi''. Quando si passa nei pressi di un'isola, ci si avvicina il piu' possibile per portare il saluto. Schettino pero' si e' avvicinato troppo. ''Sara' l'inchiesta a stabilire se e' stato un guasto tecnico o altro'', dice il direttore generale di Costa Crociere, Gianni Onorato. Schettino, dal canto suo, ha ripetuto tutto il giorno che non ha sbagliato rotta e che quello scoglio, sulle mappe, non era segnalato. ''Li' non c'era, non doveva esserci''. Smentito dagli abitanti dell'isola. Con il calare della sera, le luci delle fotocellule illuminano le linee della nave, ormai inclinata oltre i 90 gradi. E sul molo, distante 500 metri, lo sguardo passa dalla Concordia a 'Le Scole'. ''Non doveva passare di la''', dicono i pescatori, ricordando quando, il 2 settembre del 2005, la bottiglia di champagne, non si ruppe sbattendo sulla fiancata il giorno del varo. Presagio di sfortuna.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.