MAZZARRI PROVA A SPEGNERE I FACILI ENTUSIASMI: NAPOLI ANCORA GIOVANE, HA TANTO DA IMPARARE

Sommerso dai fischi dopo la sconfitta con il Napoli, il tecnico del Palermo Bortolo Mutti e' sul banco degli imputati soprattutto a causa dei due cambi tra il primo e il secondo tempo che hanno peggiorato l'assetto dei rosanero. Proprio dalle fasce, dove l'allenatore ha inserito Alvarez e Acquah, sono partite le azioni che hanno portato prima al raddoppio del Napoli e poi al 3-0. ''Vedevo che eravamo in difficolta' sulle fasce - ha spiegato -, ma purtroppo i cambi non sono serviti. Ho provato un 4-4-1-1, ma mi aspettavo di piu' sia da Alvarez che da Acquah, c'erano i presupposti per mettere in difficolta' il Napoli nelle ripartenze. E' successo esattamente il contrario, siamo andati in confusione. La squadra non ha piu' avuto il giusto ritmo e poi il secondo gol ci ha demoralizzato''. L'unica nota positiva, per Mutti, e' l'esordio dell'argentino Vasquez. ''Ha giocato un po' a intermittenza, ma devo dire che ha risposto alle attese - ha puntualizzato-. Ha molta qualita', quindi sono sicuro che ci dara' una grossa mano. Per me e' stato un debutto molto positivo''. Soddisfatto, invece, Walter MazzarRi, premiato da risultato e prestazione. Ma il tecnico sa che la strada e' ancora lunga: sette punti separano il Napoli dal treno Champions e in questi due mesi senza Europa servira' il massimo impegno per recuperare il gap. Il 3-1 a Palermo - la vittoria in trasferta mancava da quattro turni - ha ridato pero' entusiasmo ai partenopei. ''Bisogna sempre impegnarsi al massimo - ha detto il tecnico -. Fino a quando non abbiamo segnato il 2-0, la partita e' stata in bilico. Il Palermo ha avuto un paio di occasioni molto pericolose, mentre noi in difesa, in alcuni casi, siamo stati un po' disattenti e questo non deve succedere. Dopo il terzo gol, il Palermo ha mollato. Bisogna pero' crescere. Il Napoli e' una squadra giovane e ha ancora tanto di imparare''. Rinviato il debutto di Eduardo Vargas. Il talento cileno, appena arrivato Napoli, e' andato in tribuna. ''E' giovanissimo. E' un investimento per il futuro - ha spiegato Mazzarri -. Dobbiamo cercare di non creargli tensioni e lasciarlo tranquillo. Del resto, in attacco abbiamo diverse alternative e quando tornera' anche Lavezzi sara' dura scegliere chi mettere in campo''. Molto rammaricato Igor Budan, tornato titolare dopo le lunghe assenze per infortuni. ''E' stato un peccato non riuscire a segnare nel primo tempo - ha detto -. Noi siamo in una fase di ricostruzione dopo il nuovo cambio di allenatore. Abbiamo affrontato una squadra che e' molto affiatata e ha lo stesso tecnico gia' da due anni. Vasquez? Mi sembra un ottimo giocatore, si e' inserito bene. Ha qualita' e sono sicuro che fara' bene''. Di tutt'altro umore Goran Pandev, ancora a segno, che non fa rimpiangere l'infortunato Lavezzi. ''Giochiamo a memoria - ha sottolineato - Ci troviamo davvero bene e creiamo tante palle gol. Vogliamo riavvicinarci alle prime e possiamo riuscirci, anche se davanti corrono tanto''.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.