MAZZARRI MANAGER? LUI RISPONDE "PERCHE' NO, IL RUOLO MI INTRIGA"

"Futuro da manager? E' un ruolo che mi piace, mi ci sento portato, mi intriga, ma ci vogliono i presupposti giusti". Cosi' il tecnico del Napoli Walter Mazzarri risponde sulla possibilita' che in futuro possa diventare un manager, secondo quanto anticipato nei giorni scorsi dal presidente De Laurentiis. Quest'ultimo ha anche parlato di obiettivo del Napoli entro i primi tre posti. "In realta', il presidente ha sempre detto che l'obiettivo e' entrare nelle prime cinque ma senza precludere niente, ne' finire primi ne' settimi" spiega Mazzarri alla vigilia del match di Siena, squadra che Mazzarri non vuole sottovalutare. "In casa il Siena fin qui ha fatto bene, sono un gruppo unito e ci temono.

In questo momento, non guardiamo alla classifica ma pensiamo solo al Siena senza dimenticare la gara importantissima di mercoledi' (Inter in Coppa Italia, ndr). Noi siamo abituati a vincere sempre come le squadre di vertice, logico che ci sia un problema di mentalita'. Tutto questo era
prevedibile, ma stiamo trovando meno difficolta' di quanto avessi pensato". Per Mazzarri il Napoli meritava qualcosa di piu' dei tre soli giocatori inseriti nella Top 11 dell'Aic (Maggio, Hamsik e Cavani). Lavezzi? Non sara' tra gli 11 titolari domani. "Non e' al top, vale il discorso fatto sempre con tutti che gioca chi e' davvero in forma".

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.