KIRGHIZISTAN: LABBRA CUCITE, LA PROTESTA DI 400 DETENUTI

Labbra cucite con ago e filo: e' la sorprendente protesta inscenata da oltre 400 detenuti in Kirghizistan, che contestano le condizioni in cui sono costretti a vivere nelle prigioni della Repubblica centro-asiatica. I prigionieri avevano precedentemente indetto uno sciopero della fame ma senza ottenere risultati. Cosi' alcuni di loro hanno deciso di radicalizzare la protesta. "Oggi 260 persone hanno ripreso a mangiare nel centro di detenzione preventiva numero 1. Ma altri 385 si sono cuciti le labbra. A loro si sono uniti 61 detenuti della struttura numero 8", ha riferito il capo dei Serivi di Correzione statali, Sheishenbek Baizakov, aggiungendo che i prigionieri hanno chiesto, in particolare, maggiore liberta' di movimento. "Non succedera' mai. Lasciamo pure che si cuciano tutti la bocca", ha aggiunto Baizakov

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.