IL SINDACO DI PESCARA E LE SUE CADUTE DI STILE SU SCAMPIA BACCHETTATE DAL CONSIGLIERE REGIONALE GENNARO SALVATORE

Vogliamo 'ringraziare' il sindaco di Pescara, davvero un signore, per aver additato il quartiere di Scampìa quale sfolgorante esempio di contesto sociale votato a omicidi, stupri, rapine e truffe''. Cosi', il presidente del Gruppo Caldoro Presidente del Consiglio regionale della Campania, Gennaro Salvatore, commentando le dichiarazioni del sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia, dopo la pubblicazione dell'indagine del quotidiano ItaliaOggi che vede la sua città scendere alcune posizioni nella speciale classifica sulla qualità della vita. ''Comprendiamo che il primo cittadino di Pescara possa non condividere le valutazioni dei ricercatori della Sapienza - dice il consigliere regionale - ma davvero non si capisce il bisogno di dover rivoltare il coltello nella piaga di un quartiere che, come sottoscriveva in un suo saggio Giorgio Bocca, libero pensatore mai tenero nei confronti di Napoli e del Sud, ricordo' che 'Napoli siamo noi' sottolineando nella copertina del suo libro il 'dramma di una città nell'indifferenza dell'Italia'''. ''Un dramma - afferma Gennaro Salvatore - che non è solo di un rione o di una città ma che rischia, per via dell'indifferenza o peggio di certo inutile malanimo, di trascinare con sé l'intero Paese''. ''Peccato che nel 2012 c'è ancora chi non lo comprende. Va da sé - conclude Salvatore - che almeno noi le maniche continueremo a rimboccarcele con un ottimismo che saprà andare ben oltre certe infelici sortite o inspiegabili cadute di stile''.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.