IL SETTIMANALE PANORAMA PARLA DEL NAPOLI: E DICE CHE CANNAVARO, GIANELLO E MASCARA ERA INTERCETTATI DAI PM

Nel giugno scorso la procura di Napoli chiese di intercettare le utenze telefoniche di almeno tre giocatori della squadra partenopea. A rivelarlo e' il settimanale "Panorama" nel numero in edicola da domani. I calciatori che sarebbero finiti a inizio estate sotto controllo sono il capitano della squadra Paolo Cannavaro, l'attaccante Giuseppe Mascara e l'ex portiere Matteo Gianello. Ma perche' gli inquirenti erano interessati alle conversazioni dei tre? In procura il fascicolo del pool "reati da stadio" e' blindato e si incrocia con altri due procedimenti della Direzione distrettuale antimafia; l'unica certezza e' che nel mirino ci sarebbero volumi sospetti di giocate su alcune partite disputate dagli azzurri nelle ultime due stagioni. Tra queste, oltre alle gia' note Napoli-Parma, Sampdoria-Napoli e Lecce-Napoli, ce ne sarebbero diverse altre. Nei mesi scorsi per esempio sono state esaminate anche le immagini di Milan-Napoli del 28 febbraio 2011, terminata 3-0 per i rossoneri. Gianello, indagato per frode sportiva, e' stato ascoltato a giugno insieme con il suo legale Vincenzo Siniscalchi. Con "Panorama" l'entourage di Mascara reagisce con sorpresa, escludendo avvisi giudiziari o convocazioni del calciatore in procura. Forse perche' gli investigatori in questi mesi non hanno trovato riscontri ai loro sospetti. Per quanto riguarda Cannavaro, sarebbe stato intercettato (senza essere indagato) solo per capire come lo spogliatoio reagisse alle proposte esterne di combine. Ci sarebbero diversi punti di contatto, scrive "Panorama", tra le inchieste napoletane e quella sul calcioscommesse condotta dalla procura di Cremona: 4 delle partite finite sotto la lente dei magistrati lombardi, per esempio, hanno registrato volumi anomali di puntata proprio in Campania.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.