ASSESSORE AL TURISMO DEL COMUNE DI NAPOLI: NULLA ANCORA DI DECISO SULLA TASSA DI SOGGIORNO

L'assessore al Turismo del Comune di Napoli, Antonella Di Nocera, ha incontrato oggi gli operatori del turismo, rappresentanti di categoria e degli albergatori, come era previsto dal calendario della fase di concertazione e di condivisione iniziata con la riunione della Commissione consiliare martedi' scorso sul tema del contributo dei turisti e alle misure di reperimento di nuove risorse per il rilancio dell'industria turistica in citta'. L'assessore ha introdotto la riunione ribadendo la volonta' dell'amministrazione comunale "di discutere preliminarmente con gli operatori del settore l'introduzione della tassa di soggiorno, che, al contrario di quanto improvvidamente dichiarato alla stampa da alcuni dei soggetti sociali interessati, deve essere ancora definita sia riguardo alla decorrenza, sia riguardo alle modalita' di applicazione, sia riguardo ai benefici che potranno derivare da questa opportunita' offerta ai comuni per il settore turistico". La tassa di soggiorno, spiega una nota, "e' al vaglio del Comune di Napoli come misura per compensare i tagli ai trasferimenti statali affinche' si possa disporre di risorse specifiche finalizzate sia al miglioramento complessivo dell'accoglienza turistica della citta' (sicurezza, decoro urbano, valorizzazione dei siti, mobilita', servizi specifici), sia all'attivazione di nuovi qualificati servizi ai visitatori, e l'attivazione di facilitazioni per il turista da rendere disponibili contestualmente al pagamento del contributo".
"Anche su quest'ultimo punto l'assessore Di Nocera ha sempre dichiarato che ogni decisione sarebbe stata concertata con le parti sociali - prosegue la nota - l'assessore ha comunque proposto alcune idee come una card per il turista con sconti e facilitazioni, gadget e materiali di promozione visit napoli, guida e mappa della citta' con applicazioni per telefonia collegate al portale web turismo". L'assessore Di Nocera, prosegue la nota, "sgomberato il campo da approcci non all'altezza dell'impegno e del coraggio che gli imprenditori del turismo napoletani hanno dimostrato anche nel periodo piu' buio dell'emergenza rifiuti, ha ascoltato le istanze e i suggerimenti degli operatori, soprattutto in merito alla necessita' di prevedere tempi piu' lunghi per la predisposizione della tassa, al fine di avere piu' tempo per condividere e perfezionare procedure di esazione e norme regolamentari, fino alla messa a regime della stessa. L'assessore ha ribadito la volonta' di garantire i processi di partecipazione secondo lo stile che caratterizza questa Amministrazione in tutti i settori di attivita', e ha assicurato di farsi carico delle preoccupazioni espresse riportandole in giunta". ''Spero - ha dichiarato Di Nocera - che le discussioni portino a piattaforme condivise e ad un percorso costruttivo per il rilancio della citta', nell'ambito del quale l'introduzione della tassa di soggiorno potra' essere uno degli strumenti di rilancio del settore. Un punto fermo e' che l'intero introito della tassa di soggiorno dovra' essere vincolato all'interno del bilancio per destinarlo a servizi e infrastrutture per il turismo. Infine, posso annunciare che, grazie allo sblocco fondi per il turismo relativi al VI Atto integrativo dell'Accordo Quadro di Programma - Sviluppo Locale, una parte delle risorse indispensabili per venire incontro alle istanze necessarie al settore, potranno rendersi disponibili nel corso di quest'anno; questo ci consente di valutare favorevolmente il differimento della tassa di soggiorno e di proseguire proficuamente il percorso di coinvolgimento di tutti i soggetti interessati''.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.