A NAPOLI LO SPREAD FA PIU' MALE CHE IN BORSA. E' UN PETARDO ENORME CHE SI VENDE SULLE BANCARELLE E CHE RISCHIA DI FARE VITTIME A SAN SILVESTRO

Contro lo 'Spread', inteso come 'botto', istituzioni, forze dell'ordine e studenti napoletani si uniscono nel dire 'no' ai fuochi d'artificio illegali. Si chiama come il differenziale sinonimo ormai della crisi economica, l'ultimo arrivato tra i botti di fine anno che a Napoli raccoglie l'eredita' dei piu' datati 'bomba di Maradona' e 'razzo Bin Laden': costa 50 euro e, una volta lanciato, forma uno zigzag con la sua scia luminosa, a richiamare probabilmente l'andamento delle borse nel 2011. Bello da vedere ma illegale e pericoloso, e proprio su questi due pilastri si basa l'iniziativa 'Fuochi di legalita'' ideata dagli assessorati alla Scuola, alla Trasparenza e all'Ambiente del Comune di Napoli insieme al sindaco de Magistris, con la collaborazione di polizia, carabinieri e dell'Ospedale Cardarelli. Una campagna di sensibilizzazione che avra' il suo apice nella settimana tra Natale e Capodanno, con manifesti e spot che non avranno testimonial di grido, ma che vedranno protagonisti gli studenti delle scuole medie e superiori della citta', secondo il metodo educativo della 'peer education', l'educazione tra pari, come spiega all'Adnkronos l'assessore alla Scuola Annamaria Palmieri: "Un giovane che dice a un altro giovane di non usare fuochi viene ascoltato meglio, per questo abbiamo deciso di coinvolgere le scuole per diffondere quqesto messaggio positivo, ottenendo un insperato successo".

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.