CLAN GRAZIANO DI QUINDICI, ORDINE DI ARRESTO PER OMICIDIO DI 20 ANNI FA

Due appartenenti al clan Graziano, imparentati con i capi della famiglia omonima, Felice Graziano di 47 anni, attualmente collaboratore di giustizia, sottoposto agli arresti domiciliari e Antonio Graziano, 48 anni in carcere da anni, hanno ricevuto una nuova ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il tribunale di Napoli su richiesta dei pm della Direzione distrettuale antimafia, in quanto accusati di avere commesso l'omicidio di Nunziante Scibelli e di avere ferito sua moglie e Cava Antonio. L'omicidio e il duplice ferimento avvennero il 30 ottobre del '91 in localita' Ima nel comune di Lauro. L'omicidio e i due ferimenti avvennero nell'ambito della ultra trentennale faida tra il clan Graziano e il clan Cava, entrambi attivi a Quindici e a Vallo di Lauro, piccoli centri dell'Avellinese. Appartengono al clan Graziano gli indagati, **non avevano alcun legame con la camorra Nunziante Scibelli e la moglie mentre era legato al clan Cava il secondo ferito Antonio Cava**. Antonio Graziano era gia' in carcere, sottoposto al regime del 41bis a seguito della sentenza irrevocabile di condanna a 30 anni di carcere in quanto ritenuto responsabile della cosiddetta strage delle donne, avvenuta a Vallo di Lauro, dove furono uccise tre donne del clan Cava.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.